Funghi radioattivi? Gli albergatori dell'Antigorio chiedono più informazione

Crodo -

"Capisco che tutti tendano a minimizzare, ma dopo l'annuncio dell'Asl Cuneo 1 sui valori di radioattività sopra la norma riscontrati in una specie di fungo, possiamo stare tranquilli e dare da mangiare funghi e verdura senza problemi? E’ questo che vorrei sapere, senza far polemica. Oltre ad annunciare funghi radioattivi, dovuti ovviamente a Chernobyl, l’asl e il sindaco dovrebbero dare garanzie a chi come noi opera nella ristorazione’’. Chi parla è Claudio Alberti Violetti, titolare di un ristorante-albergo in valle Antigorio.

‘’Credo sia un problema da approfondire. Non basta dire che si è trovato un fungo con tracce di radioattività’’ aggiunge Alberti Violetti. Nei giorni scorsi dopo la notizia il primo cittadino di Crodo, Ermanno Savoia, aveva detto che il ‘’Comune non aveva mai ricevuto comunicazioni dall’asl di Cuneo’’. E ha ribadito che ‘’non esiste alcun divieto sui funghi commestibili, così come non esistono problemi per le colture e i prodotti del paese’’.

Ora però Alberti Violetti ricorda che l’Ossola è piena di alberghi e ristoranti ma anche di feste del fungo e che pertanto ci vorrebbe più informazione da parte degli enti preposti. ‘’Se dobbiamo stare tranquilli ce lo dicano – aggiunge – . Come operatore turistico devo dare certezze ai miei clienti e così credo i anche mie colleghi’’.

Renato Balducci
Ricerca in corso...