Era un miracolo quando non faceva miracoli

BANNIO -

La comunità parrocchiale di Bannio, venerdì 5 aprile, festeggerà San Vincenzo Ferrer. L’arciprete Don Fabrizio Cammelli illustra così l’avvenimento: «Ricorrono quest’anno i 600 anni della morte del domenicano san Vincenzo Ferrer, grande predicatore e taumaturgo del XV secolo. A Bannio è presente un affresco che ritrae il santo che «era un miracolo quando non faceva miracoli» nella cappella dla pòsa lungo il tragitto della Via Crucis che va alla Madonna della Neve. Nella parrocchiale è invece custodito un prezioso quadro di san Vincenzo Ferrer, datato 1743 che riporta il nome di Carlo Testone e F.lli Di Bartolo. Forse la devozione delle genti di Bannio deriva dalla comunità di Cadice, nel sud della Spagna, dove molti banniesi lavoravano. Altra ipotesi viene da Alessandria, dove il predicatore catalano era presente nel 1404, e là vi era una numerosa e fiorente comunità di gente di Bannio. Oppure potrebbe essere stato padre Vincenzo Tommaso Pirattoni, vescovo di Albenga, e di origine banniese a farne arrivare il ricordo in paese».

Venerdì 5 aprile alle ore 20.30 sarà celebrata la S. Messa solenne con l'esposizione del quadro.

Il giorno seguente, alle ore 9.00, torna la celebrazione eucaristica nel Santuario della Madonna della Neve e al termine si terrà un momento di preghiera davanti alla cappella dla pòsa, dov’è posto l’affresco che raffigura il santo spagnolo.

Walter Bettoni
Ricerca in corso...