Festeggiate le Confraternite della Valle Anzasca e la “Madona ad ioeu”

BANNIO -

Con l’arrivo della primavera, a Bannio si è celebrata la festa della “Madonna delle Uova”. Una festa liturgica, dedicata all’Annunciazione dell’Angelo Gabriele a Maria, un tempo abbandonata ma oggi tornata in auge grazie anche alla tradizionale benedizione delle uova ricordata dall’arciprete don Fabrizio Cammelli: “le uova rappresentano il rinascere della vita”.

Per l’occasione, la parrocchia di Bannio, unitamente alla locale Confraternita del SS. Sacramento, organizza anche l’annuale incontro delle Confraternite della Valle Anzasca. Quest’anno hanno partecipato le rappresentanze di Castiglione (Santa Marta); Anzino (SS. Sacramento); San Carlo (Del Suffragio) e Vanzone (Santa Annunziata).

Ma la riscoperta delle Confraternite si sta diffondendo e ha già coinvolto anche le comunità di Calasca, Cimamulera e Ceppo Morelli.

 

Walter Bettoni
Ricerca in corso...