Il gruppo edili di Calasca festeggerà il patrono San Giulio

CALASCA -

La ventunesima edizione della festa di San Giulio organizzata dal gruppo edile di Calasca si terrà domenica 31 marzo. Il gruppo edile di Calasca, fondato da una felice intuizione di don Andrea Primatesta nel 1999, raggiunge i vent’anni di attività.

Il direttivo è stato confermato lo scorso gennaio integrandolo con l’entrata di Flavio Marta e Alessio Lometti.

Il programma prevede il ritrovo presso la sede di Calasca alle 9,30 per un rinfresco offerto ai partecipanti.

Alle 10,30 breve concerto bandistico del Corpo Musicale di Ceppo Morelli sulla piazza della “Cattedrale tra i boschi”.

Alle ore 11 don Fabrizio Cammelli celebrerà la S. Messa solenne in onore di San Giulio e in suffragio degli edili defunti. La cerimonia sarà accompagnata dai canti della Corale di Calasca. Seguirà la processione con la statua del santo alla presenza dei labari di Calasca e Premosello e il Gonfalone Comunale.

Alle ore 12,30 ritrovo presso il ristorante “Locanda del Tiglio” per il consueto pranzo in allegria.

Seguiranno discorsi di circostanza, distribuzione di pergamene con attestati di benemerenza e l’estrazione dei premi della sottoscrizione.

L’invito alla partecipazione è rivolto a tutti previa prenotazione al numero tel. 0324 81122 entro mercoledì 27 marzo.

Il gruppo edile di Calasca ha programmato degli obiettivi a breve termine: l’impermeabilizzazione della cappelletta dedicata al martire don Giuseppe Rossi nel vallone di Colombetti e il restauro della stele commemorativa posta a Piedimulera sul lato destro della carrozzabile all’entrata della valle Anzasca a ricordo dell’inaugurazione della strada progettata dagli ingegneri Belli e Rigoli di Calasca.

Walter Bettoni
Ricerca in corso...