Imprese, contenuto aumento di iscrizioni e cessazioni nel primo trimestre del 2019

VCO -

Il tasso di sviluppo delle imprese del VCO nel primo trimestre 2019 è -0,75%, confermando l’andamento sempre negativo del primo trimestre dell’anno periodo in cui si concentrano le cessazioni. Il risultato è in linea alla media piemontese (-0,71%),ma al di sotto della media nazionale (-0,36%) dove il risultato del trimestre da poco concluso interrompe bruscamente il percorso di rientro – per quanto breve – che, dopo il 2013, si era andato manifestando con una ripetuta attenuazione della perdita di imprese. In particolare, il numero di cessazioni del primo trimestre 2019 costituiscono il risultato meno brillante degli ultimi cinque anni. Segno positivo è il contemporaneo, seppur lieve nel VCO, aumento delle iscrizioni.

In provincia, per effetto del contenuto aumento di iscrizioni e cessazioni si determina un saldo iscritte-cessate pari a -98 (era -50 nel primo trimestre 2018). Al 31 marzo il numero totale di attività registrate in provincia scende per la prima volta sotto le 13.000 unità e si attesta a 12.894 in valore assoluto. In aumento le società di capitali. I segnali emergono dalle analisi della Camera di Commercio del VCO sui dati Movimprese, forniti periodicamente da Infocamere, società consortile di informatica delle Camere di commercio italiane.

Il numero di imprese nuove iscritte nel primo trimestre 2019 al Registro delle Imprese tenuto dalla Camera di Commercio del Verbano Cusio Ossola è 257 (erano 235 nel 2018). Oltre 7 nuove imprese su 10 sono ditte individuali.

Rispetto ai primi tre mesi del 2018, diminuisce il numero di imprese per i principali settori economici: commercio (-67 imprese),manifattura (-69 imprese),edilizia (-41 imprese),turismo (-8 imprese). Stabile l’agricoltura con 679 imprese, il 5,3% del totale, lieve incremento per noleggio e attività di ricerca (+12 imprese) e servizi alla persona (+5 imprese). Questi ultimi due comparti pesano per il 3% e per il 5% del totale imprese VCO. Confermata la composizione del sistema produttivo provinciale: 24,5% commercio (3.158 imprese),17% costruzioni (2.181 unità in v.a),13% il turismo (servizi di alloggio e ristorazione 1.688 unità in v.a),11% manifattura (1.446 in v.a).

In provincia tengono le imprese di capitali, con un tasso di sviluppo trimestrale pari a +0,62%: in costante crescita da anni, oggi superano le 2.360 unità, il 18,3% del totale provinciale. Nel 2000 erano poco più di 1.500 in v.a. In flessione le altre forme giuridiche: società di persone (-0,72%) e imprese individuali (-1,22%) nei primi tre mesi del 2019. Lo stock delle ditte individuali registrato è di 7.477 unità in v.a, pari al 58% del totale delle imprese. Quasi sei imprese su dieci in provincia sono imprese individuali a dimostrazione di come l’andamento delle piccole imprese continui ad influenzare la dinamica generale.

 

C.S.
Ricerca in corso...