Più fondi europei per il Piemonte

Il Piemonte punta sui fondi europei, diretti e indiretti. “Migliorare la capacità degli Enti locali e delle aziende private della nostra regione nel partecipare ai bandi europei e nell’ottenere finanziamenti deve essere una priorità”, ha dichiarato Gabriele Molinari, delegato dell’ufficio di presidenza all’Aiccre, l’Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa. “L’Unione europea – ha proseguito – è una grande opportunità anche per creare valore aggiunto e quindi ricchezza e occupazione nel nostro territorio. Aiccre diventerà il braccio operativo piemontese per migliorare la partecipazione ai bandi Ue degli enti pubblici e locali”.

L’occasione per lanciare il programma che il Consiglio regionale ha preparato con Aiccre e Iuse, l’Istituto universitario di studi europei, è stata la riunione odierna tenutasi a Palazzo Lascaris durante la quale l’Associazione ha anche modificato il proprio Statuto, diventando soggetto giuridico che a sua volta potrà partecipare a bandi europei.

L’introduzione dei lavori è stata del presidente del Consiglio Nino Boeti, che è anche presidente dell’Aiccre: “Dobbiamo far capire che l’Ue ci è amica, non nemica”, ha sottolineato.

Il programma dell’Aiccre per il 2019 prevede una vera e propria azione di informazione, sensibilizzazione e aiuto pratico per la partecipazione ai bandi. “Sul piano operativo – ha chiarito il segretario regionale dell’Associazione Davide Rigallo – intendiamo offrire agli Enti territoriali un supporto informativo, formativo e, ove richiesto, di accompagnamento alla progettazione. Siamo consapevoli che si tratti di competenze non sempre facili da ottenere, che tuttavia non devono dare adito ad atteggiamenti di rassegnazione, inerzia o addirittura di rinuncia”.

In quest’ottica il Consiglio regionale ha anche previsto quattro seminari sui fondi europei diretti e indiretti, che si terranno il prossimo 22 novembre a Vercelli, quindi il 17 gennaio a Cuneo, il 24 gennaio ad Alessandria e il 7 marzo a Torino. Il titolo degli incontri è: “L’UNIONE EUROPEA: L’IMPORTANZA DEI FONDI DIRETTI E INDIRETTI PER GLI OPERATORI PUBBLICI E PRIVATI”; si intende diffondere la conoscenza dell’argomento dei fondi Ue, soprattutto dei fondi diretti, con l’obbiettivo di divulgare l’informazione anche rispetto a delle opportunità conosciute forse troppo superficialmente dall’ampia platea dei potenziali beneficiari.

È intervenuta anche l’assessora alle Pari opportunità Monica Cerutti che ha sottolineato il lavoro fatto dalla sua struttura sul progetto europeo di contrasto alla violenza di genere e ha concordato sulla necessità di una maggiore pragmaticità nel lavoro di Aiccre e Ccre.

redazione on line
Ricerca in corso...