Sanità: gli straordinari vanno pagati

MILANO -

L’art. 40 del CCNL Sanità, del 20 settembre 2001, ha istituito la “Banca delle ore” che garantisce che tutte le ore supplementari autorizzate svolte dai dipendenti possono essere recuperate nell’arco di 4 mesi con riposi compensativi solo su richiesta degli stessi lavoratori.

Viceversa, le ore lavorate in più devono essere pagate seguendo uno schema preciso che si basa su tre aliquote distinte che si differenziano in fasce orarie e giorni lavorativi.

Le tre aliquote sono: 15% rispetto alla tariffa oraria di base, 30% se il lavoro in più viene svolto durante la fascia 22,00-06,00 del mattino nei giorni feriali e del 50% se il lavoro viene svolto dalle 22,00-06,00 dei giorni festivi.

E’ quindi importante sapere che, nel caso in cui una azienda sanitaria chieda ai propri dipendenti il recupero delle ore lavorate in più, questo non può mai essere un obbligo.

RED.
Ricerca in corso...