Alla Piana arrivano i ragazzi della Nazionale italiana di sci

Gli azzurri hanno scelto la località vigezzina dopo Spagna, Svezia e Norvegia

Craveggia -

La Piana di Vigezzo, in questi giorni, è crocevia di atleti internazionali di sci alpino: dopo le Nazionali di slalom di Spagna, Svezia e Norvegia, che si sono allenate negli impianti di Craveggia in vista della Coppa del Mondo, in settimana sono attesi in Valle anche gli Azzurri. “Le tre Nazionali straniere si sono allenate qui fino a ieri” spiega Luca Mantovani, amministratore delegato di Vigezzo and Friends, la società che gestisce la Piana. “Quella italiana, invece, arriverà domani a Craveggia e, dopo la preparazione della pista con nuova barratura, da mercoledì a venerdì si allenerà nei nostri impianti”. Dopo quattro giorni di allenamento, alcuni degli atleti delle Nazionali presenti si sono spostati a Zagabria, per disputare due prove della Coppa del Mondo, altri invece si sono diretti in Val Cenis, in Francia, per la Coppa Europa.

Dal rischio di veder la Piana scomparire alla presenza di Nazionali in preparazione alla Coppa del Mondo: un'ascesa importante per la società che gestisce gli impianti vigezzini, in carica ormai da un anno. “La possibilità di ospitare delle Nazionali è maturata grazie ad alcune nostre conoscenze e agli importanti investimenti effettuati sugli impianti di innevamento artificiale che, pur con dimensioni minori, hanno tecnologie dello stesso livello di piste come Bormio” spiega Mantovani. “Quest'estate lo staff tecnico della Spagna è venuto a vedere i pendii, mentre a dicembre quello della Svezia ha esaminato la preparazione della pista, che è stata bagnata con 100.000 litri d'acqua per renderla sufficientemente dura”. Anche il riscontro degli atleti è stato ottimo, ed è molto più che probabile un ritorno degli spagnoli in vista delle prove del prossimo weekend ad Adelboden, in Svizzera: “La pista è molto tecnica, con 150 cm di neve artificiale e sono stati tutti molto soddisfatti sia della preparazione che dell'ospitalità della popolazione” afferma. La presenza di atleti internazionali di sci alpino, oltre ad essere motivo di interesse per gli appassionati, ha acceso i riflettori anche sul territorio e sulla Piana: “Dalle piste in cui normalmente si scia si vedono tre quarti delle piste in cui si sono allenate le Nazionali. Se la gente sale, li vede in azione, più da vicino che nelle gare di Coppa del Mondo” aggiunge Mantovani. “Inoltre al ristorante si sono sempre fermati con i ragazzi dello sci club e con gli appassionati, hanno regalato gadget e fatto foto. Sono stati disponibilissimi”. Ieri Spagna, Svezia e Norvegia, presto Italia, domani chissà: “Sicuramente il passaparola è stato molto positivo” conclude soddisfatto. “Gli allenatori si conoscono tutti e sanno che i nostri pendii e le nostre tecnologie sono adatte a quei livelli; probabilmente la Piana si troverà presto a ospitare altre Nazionali”.

Federico Raso
Ricerca in corso...