Un grande successo il settimo Raduno dei Gruppi Alpini della Valle Vigezzo

Inaugurata ieri la nuova sede delle Penne Nere di Druogno

druogno -

Due giorni di celebrazioni per festeggiare nel migliore dei modi gli Alpini. Si è tenuto nel fine settimana a Druogno il 7° raduno dei Gruppi Alpini della Valle Vigezzo con un programma ricco di eventi. Si è iniziato sabato pomeriggio con "“Alpini in frazioni”, il giro per i borghi di Druogno, accompagnato dalla Bandella Alpina del Lago Maggiore: il ritrovo era fissato alle 14.30 in Piazza Municipio, quindi  il trasferimento a Orcesco e Gagnone, poi ad Albogno e Sagrogno e infine a Coimo. La serata è stata invece dedicata al concerto “Canti Alpini” con il coro della sezione e la Corale di Druogno, organizzato nella chiesa parrocchiale. Ieri la giornata clou con l'inaugurazione della nuova sede degli Apini di Druogno, allestita nei locali dell'ex asilo di Cadone. La cerimonia, accompagnata dalla pioggia, ha visto dapprima l'alzabandiera e quindi il canto dei bambini delle scuole. Tanti i gagliardetti presenti, non solo del VCO, tra i quali anche quelli di Piacenza e Ivrea. "Il cuore alpino è un cuore grande" ha detto don Paolo Montagnini, che ha ringraziato le Penne Nere "per tutto quello che fate e che continuerete a fare". Gli Alpini hanno fatto dono al parroco di Druogno del cappello con la penna, nominando don Paolo Cappellano onorario. "Vorrei che questa giornata venisse ricordata come qualcosa di davvero importante" ha detto il capogruppo degli Alpini di Druogno, Luigi Galeazzi. "Questa nuova sede degli Alpini trova ragione d'essere in uno stabile importante, che ospitò l'asilo del paese inaugurato il 24 agosto 1916" ha spiegato il sindaco di Druogno, Marco Zanoletti. A portare il saluto della sezione ANA Domodossola è stato il presidente Giovanni Grossi, che ha voluto ricordare: "Siamo una grande Sezione perchè abbiamo grandi Gruppi". E' infine intervenuto il consigliere nazionale ANA, Francesco Meregatti che ha portato il saluto del consiglio direttivo e del presidente nazionale.  La mattinata è proseguita con la sfilata per le vie del paese, accompagnata dalla Fanfara Alpina Ossolana e la Santa Messa con, al termine, la deposizione della corona al monumento dei caduti.  Infine l'aperitivo in piazza e, come ultimo atto di questa bella due giorni, il pranzo in compagnai consumato al ristorante Stella Alpina.

Fotogallery: Fabio Nedrotti - Francesca Pinto

Video: Marco De Ambrosis - Simone Vietti

 

Ricerca in corso...