Agosto 1985, tre turisti morti e sei feriti per una frana alla Cascata del Toce

Formazza -

 La Macchina del Tempo ci porta alla mattina di giovedì 29 agosto 1985 quando dal monte Castello, a pochi passi dal pianoro della cascata del Toce,  caddero circa 200 mila metri cubi di roccia. La frana piombò sulla strada che dai piedi della Frua raggiunge la vetta della cascata.

Due auto che stavano salendo furono travolte e schiacciate dalla imponente massa di sassi. Distrutta una famiglia di Varese (3 persone: madre, padre e un bambino di 5 anni),altre 6 rimasero ferite: una di queste, una ragazza genovese di 14 anni, perse le gambe.

Scoppiarono le polemiche per quel tratto di strada sulla quale i ritardi avevano frenato i lavori di messa in sicurezza. Interventi previsti sin dal 1986 dopo i pericoli per  un masso pericolante e per i guai lasciati  nel 1987 da una alluvione.

Alcuni giornali scrissero precipitosamente: ‘’Ora la strada che sale alla cascata sarà cancellata delle cartine geografiche’’. Non poteva essere così. La parte alta della Formazza rimase isolata a lungo. La strada venne riaperta 8 anni dopo, il 30 luglio 1993 grazie alla realizzazione di tre gallerie paramassi e di una variante di 1,5 chilometri, costate allora 21 miliardi di vecchie lire.

Renato Balducci
Ricerca in corso...