Il Piedimulera non si ferma più. Nebbia fitta per il Vogogna

DOMODOSSOLA -

Vive di luce propria il Piedimulera. Che passa anche al ‘’Curotti’’ di Domodossola (2-1) confermando il buon momento, frutto di una squadra che è stata costruita per vincere. Mainini e Progni firmano la vittoria in casa Juventus Domo (gol del solito Bini),dove è ovvio che la convalescenza non è finita.

La squadra di Poma (40 punti) supera un ostacolo non da poco, perché vincere al ‘’Curotti’’ non è da tutti, poiché al di là della situazione in casa granata lo stadio domese resta difficile da espugnare . Anche se i risultati che il Piedimulera sta inanellando sono la chiara dimostrazione che Valdengo (42 punti) e Oleggio (40) debbono stare attente agli ossolani, che si giocheranno tutte le possibilità per vincere il campionato di Promozione.

Il Domo esce male dalle ultime due trasferte (due ko, anche se a nostro avviso pesa di più quello di Varallo vista la classifica dei sesiani). Ma questo è il momento e Forzatti deve lavorare con calma e sapienza -  doti che ha -  per uscire da una situazione anonima.

Nebbia fitta in quel di Vogogna. La squadra di Chiaravallotti (19 punti) non riesce a perdere bene. Tre gol dallo Sparta, tre dall’Oleggio, quattro a Chivasso, cinque con l’Omegna. Troppi..... E questa è la terza sconfitta di fila. La media delle prima 5 partite del ritorno è deficitaria. 

Non bastano a giustificare le 3 pesanti assenze (i due centrali Cotroneo e Balducci, il portiere Fovanna),perché con l’Omegna la squadra ha nuovamente regalato palle da gol agli avanti ospiti. Ora la situazione si fa grama perché l’ultima in classifica (La Chivasso) è a sole 3 lunghezze. Troppi errori dietro, dicevamo, ma la squadra ha fatica ad innescare le punte che, nelle rare palle ricevute, due gol (Casarotti e Appetito) e alcune conclusioni pericolose le hanno fatte. L’Omegna? Non è giudicabile anche se non ci è parsa in crescita. Ha vissuto sugli errori degli ossolani e sulla bella verve di Elca, che non ha segnato ma è stato un preziosissimo uomo assist.

Renato Balducci
Ricerca in corso...