Agrotecnici. Operative le procedure abilitative per progettazione e direzione lavori di ricostruzione post terremoto

Roberto Orlandi Presidente Consiglio Nazionale Agrotecnici

Gli agrotecnici si mettono a disposizione  per una ricostruzione di qualità nelle zone del centro Italia colpite  dal sisma un anno fa. Da ieri sono, infatti, operative le procedure  abilitative che consentono agli iscritti nell'Albo degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati di iscriversi nell''Elenco speciale  professionisti' per la progettazione e direzione dei lavori di  ricostruzione in imprese e strutture terremotate.        L'iscrizione degli agrotecnici all'elenco dei professionisti abilitati alla ricostruzione è stata resa possibile dall'Accordo sottoscritto il 4 luglio scorso fra il Commissario straordinario alla ricostruzione  Vasco Errani, la presidente del Cuo-Comitato unitario delle  professioni, Marina Calderone, e il presidente del Collegio nazionale  degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati, Roberto Orlandi.       

"Con l'arrivo degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati aumenta  così il numero dei professionisti impegnati nella ricostruzione,  abilitati a ricevere gli incarichi in ragione delle diverse attività", spiega una nota del Collegio nazionale agrotecnici. 

- Tra le tipologie di incarichi nelle quali gli  agrotecnici possono operare, vi sono, fra l'altro: la redazione delle  schede Aedes (per il rilevamento dei danni alle strutture); il  coordinamento della sicurezza in fase di progettazione; la direzione  dei lavori e relativa contabilità; il coordinamento della sicurezza in corso d'opera; altre prestazioni specialistiche.       

A queste competenze si aggiungeranno fra pochi giorni le attività  catastali, così come stabilito dall'art. 1 comma 151 della legge  annuale sulla concorrenza, approvata il 2 agosto scorso dal Parlamento ed in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.      

Ricerca in corso...