Cambio al vertice dell'Agenzia delle Entrate del Vco

Verbania -

La Pubblica Amministrazione è una grande stazione ferroviaria, con treni che partono e altri che arrivano. Ed i direttori non sono altro che abili macchinisti, il cui compito è quello di indirizzare il locomotore verso nuovi traguardi, risultati, obiettivi.

In ottemperanza a questo principio inderogabile, da lunedì prossimo l’Ufficio Territoriale di Verbania avrà un nuovo conducente.

Dopo aver guidato la propaggine verbanese negli ultimi otto anni, il dott. Raffaele Russo terminerà il suo incarico, lasciando alle sue spalle risultati importanti dal punto di vista professionale ed un ottimo ricordo nel cuore dei suoi collaboratori.

Tra i suoi grandi meriti, va evidenziato il fatto di essere riuscito a risollevare le sorti di un ufficio che alcuni anni fa, a seguito di alcune spiacevoli vicende giudiziarie, usciva da una situazione difficile.

Svolgendo il proprio ruolo con dedizione ed umiltà, mettendosi quotidianamente in gioco, il dott. Russo è riuscito pian piano ad acquisire la fiducia del personale e la stima dell’utenza.

Con una capacità decisionale non comune, ha trasformato un ufficio che viveva un momento problematico in una sorte di isola felice: un meccanismo ad orologeria dagli ingranaggi perfetti, in cui le singole persone diventano parte del tutto e, pertanto, in grado di realizzarsi completamente dal punto di vista professionale.

Il direttore uscente è riuscito a farsi amare da tutti i colleghi. Pur provenendo da un settore diverso dell’Amministrazione Finanziaria – l’Ufficio Controlli – ha preso immediatamente dimestichezza con le lavorazioni, mostrando quotidianamente carattere e disponibilità, capacità di coordinamento e attitudine alla risoluzione dei problemi.

Talvolta, per sopperire a carenze di organico, l’abbiamo visto addirittura allo sportello di prima accoglienza, pronto a dare informazioni all’utenza, conscio dell’importanza della salvaguardia del servizio: quasi a voler dire, con la sua disponibilità, che “il contribuente viene prima di tutto”.

Chi dice che i rapporti umani devono rimanere al di fuori dei luoghi di lavoro, probabilmente, non ha capito granché del mondo e della vita. Sono state le straordinarie capacità comunicative del dott. Russo, la sua disponibilità a risolvere i problemi, il suo sapersi porre da “primus inter pares” a fargli ottenere la stima di collaboratori e pubblico. Di fronte a lui, ognuno si è sentito a suo modo importante: dal più umile impiegato al funzionario di rango più elevato, dalla vecchietta arrivata per registrare un contratto di locazione al commercialista affermato.

Ora che il suo contratto è scaduto, si congederà dall’Ufficio Territoriale di Verbania: sicuramente con un po’ di rimpianto ma, allo stesso tempo, consapevole e cosciente di aver svolto il proprio compito in maniera ineccepibile.

Noi, che abbiamo avuto l’onore e la fortuna di averlo avuto come capo, auguriamo a Raffaele un grande “in bocca al lupo” per il futuro, sia dal punto di vista umano sia da quello professionale.

Allo stesso tempo, diamo il benvenuto al dott. Antonio De Vitis che, da lunedì 29 maggio, ha preso in mano le redini dell’ufficio al posto suo.

 

I dipendenti dell’UT Verbania – Agenzia delle Entrate

Redazione on line
Ricerca in corso...