A Domosofia si è parlato di cyberbullismo

DOMODOSSOLA -

Inizia oggi la prima edizione di Domosofia, il festival delle idee e dei saperi che porterà nella città di Domodossola fino a domenica un ricco cartellone di ospiti. 24 appuntamenti divisi tra conferenze e momenti artistici animeranno il centro storico domese in un lungo fine settimana interamente dedicato alla cultura.

Questa mattina i protagonisti sono stati i bambini e i ragazzi. Alle 10 al teatro Galletti la conferenza «Amici di clic, social senza paura» dedicata agli studenti delle scuole medie di Domodossola ha aperto la rassegna. Si è parlato di bullismo e cyberbullismo con Anastasia Buda di Samsung Italia, Michele Facci, psicologo, Elisa Maino web talent e la dott.ssa Assunta Esposito, Vicequestore aggiunto della Polizia Postale di Torino. Moderatrice Laura Carassai, giornalista de La Stampa che è stata caporedattore centrale e per decenni caporedattore delle edizioni provinciali. Al pomeriggio, invece, alle 14 laboratorio in Cappella Mellerio: un laboratorio di «coding», per i primi approcci ai principi del linguaggio informatico. Lo terrà Samsung Italia.

Domani mattina ancora un appuntamento dedicato alle scuole. Questa volta a essere coinvolti saranno gli studenti delle scuole superiori. Alle 10 al teatro Galletti si terrà l’incontro «Il futuro è mio. Testimonianze ed esperienze per vivere la sfida» alla scoperta delle possibilità che possono spalancarsi ai giovani. Interverranno, guidati da Francesco Moscatelli giornalista de La Stampa, Claudia Baracchi, professoressa di filosofia morale, Anastasia Buda di Samsung Italia, Adriano Sarazzi, imprenditore, Vittoria Riboni, imprenditrice agricola, Piero Parietti, psichiatra e psicoterapeuta, Fabio Zecchini, imprenditore digitale.

Al pomeriggio via agli incontri aperti gratuitamente al pubblico. Alle 17,30 in Cappella Mellerio lo psichiatra Eugenio Borgna sarà intervistato da Carlo Bologna, caposervizio delle edizioni Novara e Vco de La Stampa, nell’intervento «La leggerezza della mente». Seguirà poi alle 18,15 in piazza Rovereto la conferenza di Umberto Galimberti dal titolo «Conversazione sull’amore. Tra la mia ragione e la mia follia ci sei tu».

Alla sera alle 21 doppio appuntamento: il primo in Cappella Mellerio con la rappresentazione teatrale su Italo Calvino a cura del Laboratorio di Narrazione dal titolo «Contro un mondo pietrificato. Italo Calvino e la lode alla leggerezza», mentre al teatro Galletti si parlerà di montagna con tre ospiti d’eccezione: Silvio Mondinelli, l’alpinista che ha raggiunto le 14 vette oltre gli 8 mila metri senza l’uso di ossigeno, l’ossolano Damiano Lenzi, atleta della nazionale italiana di sci alpinismo e il cusiano Giulio Ornati, uno dei migliori ultra trailer in Italia. La serata sarà condotta da Enrico Martinet, giornalista de La Stampa.

 

Redazione on line
Ricerca in corso...