A Omegna una giornata alla scoperta dei parchi ossolani e vallesani

OMEGNA -

La quinta edizione di Parchi In Città è sbarcata ad Omegna. Ieri nel capoluogo cusiano spazio ad attività di promozione, in largo Cobianchi, a fianco del municipio, delle aree protette dell'Ossola, nella fattispecie Parchi Veglia-Devero e Valle Antrona, del Parco Nazionale Valgrande, del Landschaftspark Bintal dell'Alto Vallese e del parco di Pfyn Finghes del Basso Vallese. "Lo scopo di questo evento- ha sottolineato Paolo Crosa Lenz, presidente delle Aree Protette dell'Ossola- è quello di fare sistema, per promuovere le nostre bellezze, le nostre ricchezze, per parlare del nostro ambiente, dei sentieri, delle nobiltà enogastronomiche di nicchia, di progetti futuri e di accordi di quadrante. Il nostro prossimo obbiettivo non può che essere quello di avere un parco sovranazionale tra Svizzera ed Italia, con le rispettive autonomie ma con la visione d'insieme necessaria per raccogliere le grandi sfide che ci attendono". Nel corso della mattinata, voluta dal comune di Omegna, rappresentato dal sindaco Paolo Marchioni, sono stati anche presentati gli eventi per le celebrazione dei 10 anni dell'istituzione del parco naturale Alta Valle Antrona, per la settimana nazionale dell'escursionismo del Cai in Val Grande, per la certificazione europea di transboundary park tra Veglia-Devero e Binthal (come fanno gli stambecchi, che a seconda dell'apertura della caccia migrano in Italia o Svizzera) ed il progetto transazionale Mineralp. Poi, prima di pranzo, aperitivo con i vini bianchi svizzeri, con il Prunent Ossolano, con formaggi e salumi tipici dei due territori.

Daniele Piovera
Ricerca in corso...