Ad Anzino la rievocazione storica dell’arrivo del quadro miracoloso da Roma

anzino -

Domani, sabato 22 giugno, ad Anzino, si terrà uno spettacolo unico per rivivere gli eventi del 1669 che hanno dato origine al santuario: la Grande Rievocazione Storica di Anzino.
Il piccolo borgo di Anzino ha una grande storia da raccontare: intraprendenti montanari che hanno fatto fortuna nella Città Eterna, senza dimenticare il loro paese, per il quale hanno fatto il dono più grande: il quadro miracoloso di sant’Antonio di Padova, che in maniera rocambolesca e avventurosa arrivò nel borgo anzaschino nel 1669 … è questa la nostra storia, è questa la tradizione di Anzino che in maniera curiosa e divertente sarà presentata in questo evento unico e speciale.
I testi e la regia sono dell’anzinese Matteo Minetti, la produzione è della CompagniaDellozio.
Lo spettacolo rientra negli eventi del festival Oxilia, che prende il via in questi giorni.
Il programma prevede: dalle 14.30 prenderà il via il percorso storico per il borgo, immersi nell’atmosfera del ‘600, animata dagli attori, che metteranno in scena gli eventi del centenario.
Allo stesso tempo sarà possibile passeggiare per la Fiera dei prodotti locali e dell’artigianato, oppure approfittare della visita guidata al Santuario o percorrere la suggestiva Via Crucis.
Intorno alle 17.00, la scena finale, con l’arrivo del quadro miracoloso in paese e a seguire alle 18.00 l’estrazione della Lotteria di Sant’Antonio.
L’ingresso alla rievocazione è gratuito.
Durante il pomeriggio, con un piccolo contributo, è possibile fare merenda lungo il percorso.
Sarà disponibile il servizio navetta da Pontegrande.
Lo spettacolo viene realizzato con il contributo della Fondazione Vco, della Regione Piemonte, della Fondazione Crt e della Fondazione Cariplo.  

Ricerca in corso...