Al San Biagio inaugurata la nuova Risonanza Magnetica

DOMODOSSOLA -

Inaugurata oggi all'ospedale San Biagio di Domodossola la nuova Risonanza Magnetica che sostituisce la vecchia apparecchiatura che aveva 12 anni ed era ormai obsoleta, e da martedì in via sperimentale l'ospedale domese avrà a disposizione l'intelligenza artificiale. L'apparecchiatura è stata acquistata dall’Azienda Sanitaria utilizzando le risorse derivanti dall’utile di gestione del Centro Ortopedico di Quadrante ad un costo di 600.000 euro grazie all’utilizzo della gara CONSIP, la centrale acquisti della pubblica amministrazione italiana, che ha consentito un significativo risparmio rispetto ai prezzi di mercato.

Al taglio del nastro erano presenti il primario di radiologia Attilio Guazzoni, il parroco di Domodossola don Vincenzo Barone, la consigliera provinciale Marina Oliva, l'assessore comunale Antonella Ferraris, la direttrice amministrativa Anna Ceria e la direttrice sanitaria Emma Zelaschi. La nuova macchina, grazie alla potenza del campo magnetico, con i gradienti molto spinti e le nuove bobine digitali tutte multicanale consentirà una netta riduzione del tempo di esecuzione del 40 per cento degli esami ed inoltre sarà possibile eseguire studi funzionali per l’encefalo, studi multiparametrici per gli organi addominali ed in ambito urologico (prostata) non possibili con l’apparecchiatura precedente, oltre ad eseguire studi vascolari senza l’utilizzo di radiazioni ionizzanti. “La tecnologia corre, le macchine radiologiche sono considerate obsolete dopo 7 anni – ha detto Guazzoni - finalmente abbiamo una tecnologia all'avanguardia. Potremo fare prima e fare meglio. Riusciremo a studiare ciò che prima non era possibile. Potremo fare lo studio vascolare dei vasi arteriosi con la risonanza, potremo studiare fegato, reni e pancreas, utero e prostata. Gli studi principali ovviamente saranno quelli del sistema nervoso centrale”.

Da martedì abbinata a questa macchina ci sarà anche l'intelligenza artificiale. “Il software Icometrix – ha spiegato Attilio Guazzoni - estrae informazioni cliniche significative dalla risonanza magnetica e dalla TAC del cervello di pazienti con disturbi neurologici, come sclerosi multipla, morbo di Alzheimer, demenza. Si tratta di un progetto sperimentale”.

Mary Borri
Ricerca in corso...