Anche a Domo un incontro per celebrare la Giornata Nazionale delle Ostetriche

DOMODOSSOLA -

Nell’ambito dei progetti contro lo spreco promossi dall’amministrazione comunale ed in occasione della Giornata Internazionale dell’Ostetrica, si è tenuto giovedì pomeriggio presso la Cappella Mellerio di Domodossola un incontro sul tema dell’ecologia nella nascita dal titolo “Ma quanto mi costi? I costi ambientali della nascita di un figlio” a cura dell’Associazione Nascere Insieme.

Ad aprire l’incontro al quale erano presenti numerose mamme con i loro bimbi o donne in dolce attesa, l’assessore all’Ambiente Salvatore Iacopino: ”Vi invito a riflettere su due temi fondamentali, il futuro e l’ecologia in un tempo in cui per fare ecologia è necessario confrontarsi con altri ambiti collaterali quali politica, sociologia, ambiente. Ciò che fa la differenza contro lo spreco è lo stile di vita delle buone pratiche e il consumo critico del cittadino, il quale deve rifiutare la logica dell’usa e getta”.

La parola passa poi alla Dott.ssa Laura Castellarin Presidente dell’Associazione Nascere Insieme: "L’Associazione, nasce con lo scopo di diffondere informazioni relative alla generatività, alla vita prenatale, perinatale e neonatale che permettano ai futuri genitori di favorire uno sviluppo fisico e psichico armonioso nel bambino che sta per nascere”. La Castellarin ha poi spiegato in cosa consiste il lavoro dell’ostetrica ringraziando la Dott.ssa Maria Grazia del Consultorio per il proprio operato e spiegando che il consultorio domese offre molteplici servizi utili e gratuiti. Al centro della conferenza il tema dei costi reali della nascita di un figlio: ”La stima di spesa per la nascita di un bambino va dai 5.850 ai 13.800 euro per i primi 3 anni. Oggi vi presentiamo i pannolini lavabili il cui utilizzo si traduce in un risparmio immediato per la famiglia e un costo ridotto per la collettività in termini di gestione dei rifiuti, spesa sanitaria, inquinamento e assistenza sociale. Anche le fasce e i supporti per il portare e l’allattamento sono temi di grande attualità: da tempo l’UNICEF ha individuato nella protezione dell’allattamento la strategia ideale per migliorare la qualità di vita delle persone e anche il nostro Ministero della Salute ha, tra i suoi obiettivi nazionali, la protezione dell’allattamento. Il messaggio individuato dall’International Confederation of Midwives per il 5 maggio 2016 sottolinea il ruolo cruciale delle ostetriche nel raggiungimento di questi obiettivi mondiali affermando che ogni giorno le ostetriche di tutto il mondo lavorano duramente per garantire a madri e neonati le cure di qualità che meritano”. E proprio in onore alla figura professionale delle ostetriche, le mamme presenti hanno adottato un “dream code” indossando qualcosa di rosso.

Domenica Romeo
Ricerca in corso...