Anche a Verbania e Omegna la petizione dei frontalieri per intervenire sulle ss 337 e 34

Raccolta firme sabato 1 e giovedì 6 febbraio

VERBANIA, OMEGNA -

Riceviamo e pubblichiamo.

All’indomani del cedimento stradale sulla SS337 della Val Vigezzo avvenuto il 17 dicembre, ennesima interruzione viaria, un gruppo di frontalieri vigezzini esasperati ma determinati -supportato dalle associazioni di categoria e sindacati- si è attivato per indire una petizione finalizzata all’ottenimento di interventi strutturali permanenti su entrambe le statali 337 e 34 che collegano il Vco con il Canton Ticino attraverso la Valle Vigezzo e il Lago Maggiore.

Un mese è occorso per approntare il testo dell’iniziativa popolare e organizzare le azioni divulgative, quindi si è iniziato col presenziare ai mercati di Domodossola e Val Vigezzo che al momento è la zona più toccata. Tuttavia i dati dimostrano che la SS34 non è da meno in quanto a scenari di calamità con conseguenze gravi in termini di vite umane oltre che di pesanti disagi per i frontalieri che si devono recare al lavoro quotidianamente e ingenti ripercussioni economiche sulle attività commerciali del territorio. Pertanto i promotori hanno avuto l’attenzione di includere anche la SS34 nell’oggetto degli interventi che la petizione reclama.

Tutti i cittadini che si sentono solidali con la causa sono invitati ad aderire alla raccolta firme che si terrà sabato 1 febbraio a Verbania in piazza Ranzoni dalle 10 alle 18 e giovedì 6 febbraio ad Omegna sotto ai portici di Palazzo di Città dalle 9 alle 13.

Inoltre a tutti i Comuni del Vco è stata inoltrata dal gruppo promotore la modulistica per la raccolta firme e desideriamo ringraziare vivamente i Sindaci e le Sindache per essersi dimostrati/e tanto sensibili alla nostra iniziativa mettendola a disposizione presso gli uffici comunali.

La petizione è inoltre presente, oltre che presso tutte le sedi sindacali della provincia, anche presso alcuni esercizi commerciali dove è possibile firmare, per ricevere l’elenco contattateci scrivendo a petizione.ss337ss34@gmail.com. A questo indirizzo possono rivolgersi anche tutti i commercianti che volessero aderire alla raccolta firme.

Ricerca in corso...