Anzino, la festa di Sant’Antonio si ''adatta'' alle limitazioni dell’emergenza sanitaria

Don Cammelli: “ Pellegrinaggio comunitario sulla via dei monti quando le restrizioni verranno meno”

bannio anzino -

Chiuso a gennaio, con la presenza di padre Oliviero Svanera, rettore della pontificia Basilica di Sant'Antonio in Padova, l’Anno Antoniano in cui si sono solennemente festeggiati i 350 anni dall’arrivo del Quadro Miracoloso da Roma tornano adesso i tradizionali festeggiamenti dedicati a Sant’Antonio.

Considerata l’attuale situazione sarà una solennità regolata e cadenzata dall’emergenza Covid-19.

Ne abbiamo parlato con il primicerio di Anzino don Fabrizio Cammelli: «Quest'anno il programma religioso è stato adattato alla situazione sanitaria, per evitare assembramenti e favorire il distanziamento sociale. sono stati coinvolti il Comune e la Protezione Civile per aiutare la parrocchia nell'accoglienza dei fedeli e dei pellegrini. La partecipazione alle funzioni religiose avverrà mediante prenotazione obbligatoria, gratuita e facile da fare. Ad ogni fedele sarà assegnato un posto all'interno o all'esterno della chiesa.
Purtroppo non sarà possibile fare le solenni processioni, perché non potrebbe essere garantita la distanza di sicurezza tra le persone.
Gli orari sono stati leggermente modificati in modo da favorire l'afflusso e il deflusso delle persone che verranno in Santuario. È assai difficile stimare quanti saranno i fedeli che, nonostante tutto, vorranno rendere omaggio a Sant’Antonio. Faremo il possibile per essere pronti ad accogliere, in sicurezza, tutti i fedeli che arriveranno ad Anzino.
Non mancherà qualche devoto di Sant’Antonio in arrivo dalla Valsesia anche se l’idea sarebbe quella di organizzare un pellegrinaggio comunitario lungo la via dei monti (La via di Sant’Antonio) quando le attuali restrizioni verranno meno.
Restano ancora da definire i vari celebranti delle diverse funzioni a partire dalla novena, alla festa di Sant’Antonio per finire con le cerimonie della domenica».


Questo il programma religioso:

Venerdì 5 e sabato 6 giugno 

ore 7.00 e ore 20.30 Santa Messa

Domenica 7 giugno

ore 18.00 Santa Messa
 

Da lunedì 8 a giovedì 11 giugno

ore 7.00 e ore 20.30 Santa Messa

Venerdì 12 giugno

ore 7.00 Santa Messa - dalle 15.00 alle 18.00 Confessioni ore 20.30 Vespri solenni della festa di S. Antonio Sabato 13 giugno
Festa liturgica di Sant’Antonio – S. Messe ore 6.00 e 7.30. Ore 9.00 S. Messa all'altare del Santo - ore 10.30 S. Messa solenne. Nel pomeriggio, ore 15.30 Vespri solenni e benedizione eucaristica.

Domenica 14 giugno

Festa di Sant’Antonio e San Bernardo – ore 11.00 S: Messa solenne. Nel pomeriggio, ore 15.30 Vespri solenni.
Per l’accesso al Santuario è obbligatoria la mascherina. Le prenotazioni possono essere fatte telefonando oppure Sms o Whatsapp al 340 38 73 843 indicando: nome e cognome, fino ad un massimo di 5 persone, e l’orario della celebrazione prescelta. Oppure sul sito: www.billetto.it cercando "Anzino".
Rammentiamo che la festa di S. Antonio di Padova si svolge ogni anno ad Anzino ricordando l’arrivo del quadro miracoloso giunto da Roma nel 1669 e rappresentante i miracoli di Sant’Antonio.

Quest’anno, senza processioni, non saranno effettuati neppure I tredici giri, che tradizionalmente si compiono per chiedere grazie, soprattutto quella di trovare marito o moglie, per intercessione di Sant’Antonio.

Le celebrazioni potranno essere seguite anche su Vco Azzurra Tv e anche su Youtube Canale parrocchievalleanzasca oppure su Facebook/santuarioanzino

Ricerca in corso...