Attività di sensibilizzazione della Polizia di Verbania contro il cyberbullismo all’Istituto “ Giorgio Spezia” di Domo

DOMODOSSOLA -

Il 5 febbraio 2019 è stata la giornata del “Safer Internet Day” – Giornata per una rete più sicura istituita dall’Unione Europea quindici anni fa, per sensibilizzare i cittadini sui rischi di un utilizzo sconsiderato di internet. Le iniziative nei vari stati membri sono state tante e nel nostro paese esiste una collaborazione tra il Ministero dell’Istruzione, molti associazioni ed enti, nonché la Polizia di Stato.

Questa la premessa per la presenza oggi (7 febbraio) della Polizia di Stato della Questura di Verbania presso l’Istituto scolastico “ Giorgio Spezia” di Domodossola, che aveva organizzato per la giornata odierna una serie di attività volte a coinvolgere ed interessare tutti i settecento studenti che frequentano l’Istituto.

Il Preside, Professor Ragozza, insieme ad altri suoi collaboratori, accoglieva gli studenti nell’atrio principale della scuola, dove da una lato i bambini delle primarie recitavano una canzoncina contro il “bullo carciofo” colpevole di bistrattare le altre verdure …dalla “testa di rapa del ravanello” alla “carota che può vivere solo sottoterra”, dall’altro lato c’erano i ragazzi delle superiori che hanno interpretato alcuni episodi di bullismo, malessere psicologico in cui potevano “cadere” i ragazzi di oggi, se non supportati ad hoc o con un sviluppato senso critico.

A loro la Polizia di Stato ha fornito e mostrato diversi video informativi, è stata data loro la possibilità di segnalare anonimamente episodi di bullismo di cui erano stati testimoni o partecipi, un’aula appositamente predisposta, dalla scuola, per eventuali colloqui dal tono più intimistico.

Gli esiti di tali incontri si potranno verificare solo in futuro, sperando che l’adesione della Polizia di Stato al progetto contro il cyberbullismo e al concetto di Polizia di Prossimità si dimostri non solo valido, ma duraturo per le generazioni future.

 

Ricerca in corso...