Bannio, vivo apprezzamento per la festa alpina all’alpe Soi

bannio anzino -

Il gruppo alpini di Bannio Anzino, domenica scorsa ha organizzato l’annuale festa alpina all’alpe Soi.
Durante la S. Messa, celebrata nell’oratorio di San Bernardo da Aosta il santo delle Alpi, il capogruppo Sandro Bonfadini ha nominato don Fabrizio Cammelli, arciprete di Bannio, “Cappellano del Gruppo Alpini di Bannio Anzino” regalandogli il cappello con la penna nera.
Sono poi seguite la processione per i sentierini di Soi e l'incanto delle offerte.
Un sostanzioso rancio alpino ha chiuso la prima parte della festa.
Il pomeriggio è stato tutto all’insegna dello sport e del divertimento. Prima la corsa campestre riservata ai ragazzi, per la disputa del Memorial “Matteo Tettone” poi la novità del Tiro alla fune, Memorial Piermario Hor. Nel tiro alla fune ha prevalso la formazione favorita composta dai familiari di Piermario.
«Un tempo – spiega Sandro Bonfadini – questa festa veniva organizzata la terza domenica di settembre, data utile per festeggiare gli alpigiani di ritorno dall’estate passata nei vari alpeggi, infatti era detta “Festa dell’alpigiano”. Poi i coscritti della classe di leva 1907, in concomitanza alla festa dell’alpigiano, hanno fissato quassù il ritrovo delle giovani generazioni che raggiungevano la maggiore età».
Ai festeggiamenti ha partecipato il Premiato Corpo Musicale di Bannio.

Ricerca in corso...