Bonus Piemonte, Preioni (Lega): sosteniamo in maniera concreta e rapida le attività colpite dalla pandemia

“Grazie all'atto approdato alla commissione Bilancio convocata in sede legislativa oggi cresce di altre 11 mila unità il numero di attività che potranno accedere al bonus”

TORINO -

"Grazie alla volontà dell'amministrazione e al gioco di squadra della Lega, sosteniamo in maniera concreta e rapida tutti coloro che sono stati colpiti duramente da oltre due mesi di inattività. Il nostro lavoro non si ferma mai". Alberto Preioni, Presidente Gruppo Lega Salvini Piemonte, commenta così la notizia di un'ulteriore dotazione di 15 milioni del fondo Bonus Piemonte, che sale così a 116 milioni di euro totali che andranno a beneficio di quasi 60 mila realtà del territorio.

"La Regione sostiene la ripartenza di imprese e famiglie nella fase 2, non vogliamo lasciare indietro nessuno - dice Preioni - perciò tutte le realtà colpite dal lockdown per l’emergenza Coronavirus otterranno il nostro appoggio. Grazie all'atto approdato alla commissione Bilancio convocata in sede legislativa - prosegue Preioni - cresce di altre 11 mila unità il numero di attività che potranno accedere al bonus, ottenendolo poi nel giro di pochi giorni. Ringrazio per l'impegno profuso l'assessore al Commercio, Vittoria Poggio. Ma lavoriamo già alle prossime misure - conclude Preioni - perché estenderemo il bonus il più possibile".

È semplice la procedura per accedervi: gli interessati riceveranno da Finpiemonte una comunicazione via pec per indicare il conto corrente su cui ricevere il contributo a fondo perduto. Bonus da 1.500 euro a cartolerie, librerie, negozi d’abbigliamento, tessuti, calzature, pelletteria e accessori, ma anche ad agenzie di viaggio, tour operator, cinema, organizzatori di eventi e scuole guida. Bonus da 1.000 euro, invece, per gli studi di tatuaggio e piercing, negozi di ottica e di fotografia, scuole di lingue, circoli ricreativi e operatori di altre forme di divertimento.

C.S.
Ricerca in corso...