Buone feste da Claudio Sonzogni, sindaco di Vanzone con San Carlo

"Che questo evento rafforzi in noi il senso della solidarietà e della condivisione"

VANZONE CON SAN CARLO -

L' anno che si sta per chiudere sarà ricordato come il più complicato del Dopoguerra.

Complicato soprattutto per i bambini che non hanno potuto andare normalmente a scuola, per gli ospiti della Casa di riposo che hanno vissuto la solitudine affettiva, per i titolari d'attività economiche e in generale per la limitazione delle libertà individuali che ha condizionato tutti i cittadini.

Un pensiero commosso a coloro che non ce l'hanno fatta e sono morti senza il conforto e la presenza di familiari ed amici.

Quale augurio per l'anno prossimo.

Innanzitutto che questo evento rafforzi in noi il senso della solidarietà e della condivisione, che ci dia la forza di recuperare valori che rischiano di andare perduti, che i nostri bambini tornino a studiare e giocare come hanno sempre fatto, che ci si possa ritrovare nei luoghi delle relazioni, che ci si possa ancora stringere le mani e ospitare le persone nelle nostre case, che si torni a brindare con un bicchiere di vino quando nella baita di montagna si ha I' occasione di farlo con la solita ospitalità e allegria.

In altri termini non abbandoniamo speranza e ottimismo, non lasciamoci condizionare dall'angoscia delpresente.

Uscire dal tunnel non sarà facile, lo dobbiamo fare per ricostruire una comunità responsabile, consapevole rispettosa dell'ambiente e più attenta ai bisogni fondamentali come quello della salute.

Una raccomandazione a riguardo del comportamento da seguire in occasione delle Feste.

Ricordiamoci che a poco valgono le disposizioni emanate dal Governo se non sono accompagnate da un atteggiamento di collaborazione da parte dei cittadini, evitiamo soprattutto gli assembramenti che sono la vera fonte di diffusione del virus.

                                                         Buone Feste a tutti

Claudio Sonzogni
(Sindaco di Vanzone con San Carlo)

Ricerca in corso...