Celebrata la festa della Madonna dei Ghiacciai alla Capanna Gnifetti

GRESSONEY -

Nella cappella più alta d’Europa (3659 m),presso la Capanna Gnifetti, è stata celebrata la festa della Madonna dei Ghiacciai. Monsignor Olivero Derio, vescovo di Pinerolo, ha celebrato la S. Messa animata dai giovani novizi salesiani del Colle don Bosco. Come da tradizione sono state presentate le fiaccole a ricordo degli uomini della montagna o caduti sulle montagne.
Quest’anno sono stati ricordati: Dario Montrosset; Giovanni Menin; Claudio Bacigalupo; Maurizio Fenaroli, Maurizio Caldarola, Giuseppe Oberto e due alpinisti svizzeri caduti sul massiccio del Monte Rosa.La cerimonia è stata coordinata dal sacerdote salesiano don Vincenzo Caccia. Da Macugnaga era presente una delegazione della Sezione Cai, guidata da Flavio Violatto e Alberto Oberto, figlio di Giuseppe.

Violatto ha così ricordato la figura di Giuseppe Oberto: «Giuseppe era una persona umile, una persona molto riservata. È scomparso lo scorso anno alla vigilia del 60° anniversario della scalata al Gasherbrum IV.Lui è parte della storia dell’alpinismo. Riccardo Cassin lo volle nel 1958 quale componente della spedizione al Gasherbrum IV perché Oberto era il più forte ghiaccista allora vivente. Era una forza della natura, sempre modesto e rimasto, volutamente, lontano dai riflettori».

Ricerca in corso...