Cisl Fp: “Il personale di Asl Vco penalizzato ancora una volta”

“Solo metà dei 400 aventi diritto potranno avere i 70 euro di aumento, per gli altri si esaurisce la possibilità d'intraprendere il percorso individuale di carriera e avanzamento”

vco -

Nonostante il fatto che le nostre aspettative e previsioni non fossero proprio ottimistiche, non ci saremmo mai aspettati, nell'anno del COVID, di assistere alla drammatica commedia delle interpretazioni unilaterali della Dirigenza ASL volte ancora una volta al ribasso.

La CISL FP, assieme alla RSU e alle altre sigle sindacali firmatarie di contratto, ed alla Direzione ASL VCO, aveva nel marzo 2020 firmato un importante accordo integrativo per consentire la progressione economica a tutto il Personale Sanitario, Amministrativo Tecnico e Professionale che negli ultimi 20 anni non aveva mai avuto alcun riconoscimento.

L' ASL VCO (unica in tutta Italia!) attraverso una capziosa interpretazione di direttive MEF contrariamente a quanto siglato decide unilateralmente che solo la metà dei quattrocento Colleghi, aventi diritto, potranno avere (forse) gli agognati 70 euro lordi mensili di aumento!

Di contro, cosa gravissima, per tutti gli altri dipendenti (la maggioranza) dell' Azienda Sanitaria, con questa scellerata iniziativa della dirigenza, si esaurisce la possibilità d'intraprendere il percorso individuale di carriera e del avanzamento economico previsto con specifiche risorse contrattuali attraverso la negoziazione aziendale.

Pertanto, nel esprimere forte contrarietà, la CISL FP del Piemonte Orientale, denuncia pubblicamente una situazione non più tollerabile che di fatto penalizza tutti i dipendenti dell' Azienda Sanitaria Locale e chiede a tutti i Cittadini, Utenti, forze politiche e sindacali di sostenere una lotta unitaria per difendere il lavoro pubblico e la dignita' dei nostri colleghi...

Antonio Dellera

Responsabile Sanità CISL FP Piemonte Orientale

Ricerca in corso...