Continuano gli ingressi forzati ai bivacchi del Parco Val Grande

Sono in corso gli accertamenti dei carabinieri

PREMOSELLO CHIOVENDA -

Una vera e propria “ondata” di effrazioni ai danni dei bivacchi del Parco Nazionale della Val Grande. È questo il termine usato dal reparto Carabinieri del Parco per descrivere la situazione. In alcuni casi a farne le spese sono state delle strutture già danneggiate nei giorni scorsi le cui serrature erano state riparate. I militari sottolineano che la maggior parte degli ingressi forzati non sono dovuti a condizioni di necessità.

Dal reparto informano. “Si susseguono i danneggiamenti all’interno del Parco Nazionale Val Grande. I bivacchi presenti nel Parco sono stati chiusi a seguito di ordinanza sindacale, in esecuzione del DPR n 50 della regione Piemonte, al fine di evitare la possibile fruizione in promiscuità. Molti di essi sono stati forzati. Nella maggior parte dei casi i danni non sono stati dovuti a condizioni di necessità. In un unico caso è stato ritrovato su un registro un messaggio di scuse, ma non è stato lasciato il nome o menzione al possibile risarcimento del danno cagionato”.

“Sono in corso accertamenti -precisano- da parte dei militari del Reparto Carabinieri Parco Val Grande in merito alla ondata delle effrazioni che si configurano, per violenza, modalità e danneggiamento dei dispositivi di chiusura dei bivacchi, come atti vandalici. Alcuni bivacchi, già oggetto di danneggiamento recente, le cui serrature erano state immediatamente ripristinate, sono stati nuovamente forzati”.

Ricerca in corso...