Contro lo spopolamento in montagna favorire gli insediamenti e ripristinare i terrazzamenti

Uncem: “Positive iniziative di Lombardia ed Emilia-Romagna, ottimi modelli per favorire lo sviluppo”

Roma -

Uncem sta seguendo con grande attenzione due bandi che due diverse Regioni italiane hanno avviato . Per la Montagna. Il primo bando di Regione Lombardia sui terrazzamenti - e sui muretti a secco - da ripristinare e tutelare , vede a  oggi 308 domande presentate alle Comunità montane. Bene ha fatto l'Assessore regionale lombardo Massimo Sertori a prorogare i termini di presentazione delle domande di finanziamento al 25 settembre 2020. Prezioso il lavoro fatto con Uncem Lombardia, guidato da Tiziano Maffezzini. La misura finanzia con 3 milioni di euro a fondo perduto il ripristino, la conservazione e il parziale completamento dei terrazzamenti e dei muretti a secco, oltre che interventi connessi come la manutenzione straordinaria di sentieri e strade interpoderali e la sistemazione di sistemi di convogliamento delle acque. Le risorse saranno erogate ai beneficiari tramite le Comunità montane per interventi realizzabili nei Comuni lombardi 'montani' o 'parzialmente montani' con un contributo fino al 50% della spesa dell'intervento ritenuta ammissibile e realizzabile entro il 31 ottobre 2021. "Nel bando - ha spiegato l'assessore alla Montagna lombardo, Sertori - abbiamo puntato a sostenere un'attività eroica che svolge anche una funzione importante di cura e manutenzione del territorio. Una misura nuova che si sta rivelando vincente, con numeri assolutamente superiori a ogni aspettativa e ciò significa che questo bando risponde a una precisa esigenza che proviene dai territori montani".

Secondo bando, importante ed esemplare come quello di Regione Lombardia, è quello di Regione Emilia-Romagna, presentato a maggio e oggi operativo. Genera incentivi per comprare o ristrutturare casa in montagna . Un progetto di vita che può diventare realtà grazie ai 10 milioni di euro stanziati dalla Regione per le giovani coppie o famiglie che desiderano abitare in uno dei 119 Comuni appenninici dell' Emilia-Romagna.  Rimarranno aperti fino al 30 ottobre i termini per presentare domanda di partecipazione al bando regionale per ottenere contributi fino a 30mila euro a fondo perduto.   Al lavoro anche Uncem Emilia-Romagna con il Presidente Giovanni Battista Pasini. Grazie alle risorse stanziate dalla Giunta guidata da Stefano Bonaccini, verranno erogati contributi a fondo perduto - da un minimo di 10mila a un massimo di 30mila euro, fino al 50% delle spese sostenute -per l'acquisto della prima casa casa in proprietà (limitatamente ad alloggi o immobili già esistenti, senza quindi consumo di suolo ulteriore); il recupero di patrimonio edilizio esistente adibito o da adibire a prima casa, o, terza alternativa possibile, per un mix di acquisto e recupero.   

"Due iniziative diverse - precisa Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem - ma che leggo insieme, anche a quelle di altre Regioni ovviamente, per contrastare spopolamento e desertificazione . E per generare sviluppo che fa bene non solo alle aree montane a chi beneficia del contributo. Fa bene all'intera regione e tutto il Paese. Dimostrano, le iniziative lette insieme, una vitalità istituzionale attorno ai temi che Uncem pone da tempo. Le Regioni hanno ascoltato Sindaci e territori. Hanno studiato strumenti nuovi, impensabili solo dieci anni fa. Guidano, insieme agli Enti locali montani, un processo. Che ci dice che non siamo più margine, bensi fulcro di innovazione e opportunità ben radicate nella tradizione e orientate all'innovazione".

 

Ricerca in corso...