Crodo, Pasquale Folchi si dimette da capogruppo di maggioranza

"Sulla mia decisione sicuramente ha pesato la mancanza di rapporti con Sindaco e Assessore"

Crodo -

Capolinea….si scende…

Un viaggio breve iniziato con entusiasmo (smorzato quasi subito dalla decisione di non far parte della Giunta Comunale) grazie ai consensi ottenuti alle elezioni e alla voglia di impegnare il mio tempo e quell’innato senso di altruismo che ha sempre contraddistinto la mia vita e a volte condizionato le mie scelte.

Un viaggio durato quasi un anno che mi ha permesso di capire quanto sia difficile rapportarsi con persone che non hanno le mie stesse idee e con le quali la parola condivisione non esiste, tuttavia ho cercato di mettermi in gioco al servizio delle persone e del Comune, cercando di essere presente ogniqualvolta pensavo di poter dare una mano, a partire dagli eventi calamitosi fino all’emergenza sanitaria, attivando iniziative e proposte a volte prese in considerazione, altre volte meno…

Oggi, giugno 2020, con la situazione di emergenza alle spalle, avrei voluto essere in prima linea ad affrontare e programmare il futuro di un territorio che ha estremo bisogno di iniziative finalizzate a ottimizzare l’accoglienza turistica, risorsa indispensabile per garantire la sopravvivenza dei paesi di montagna.

Il dopo Covid potrebbe davvero rappresentare una svolta in positivo per le terre alte se gli attori in scena sapessero programmare e progettare interventi di lungo respiro con obiettivi chiari, valorizzando quelle risorse naturali di cui il territorio è ricco e che tutto il mondo sta cercando…..

Purtroppo in questi mesi mi sono reso conto che il vostro modus operandi è ben lontano dal mio modo di intendere l’amministrazione e mi sono convinto di avere le armi troppo spuntate per pensare a un cambio di rotta; può darsi che ci siano delle mancanze anche da parte mia, ma essere capogruppo di un gruppo che non esiste vi assicuro che non è piacevole…probabilmente non sono portato per il lavoro in team…

Sulla mia decisione sicuramente ha pesato la mancanza di rapporti con Sindaco e Assessore e se è arrivata solo ora è perché il Vice sindaco mi è sempre stato vicino e ha cercato di condividere, coadiuvato da Cinzia, il mio pensiero e le mie iniziative, purtroppo le decisioni, i progetti, le iniziative che la Giunta dovrebbe attivare debbono essere valutate da tre persone e Marco conta per uno.

Avrei voluto essere più coinvolto nelle decisioni, così come si era prospettato nei (Troppo) brevi incontri pre-elettorali e ancora ribadito quando si è decisa la formazione della Giunta, ipotizzando una presenza senza diritto di voto alle sedute dell’organo operativo, invece mai un invito… continuare a rimanere a gestire semplicemente gli eventi o le emergenze, francamente non mi attira…sarebbe come continuare un viaggio con il freno a mano tirato…

Infine un grazie agli Operai, ai due dell’ufficio Tecnico, alla Ragioneria, a Alessio, a Mara e in particolare a Elisa che mi ha sopportato e aiutato in questi dodici mesi.

 

Pasquale Folchi

 

Redazione
Ricerca in corso...