Due nuovi corsi per operatrici sociosanitarie in risposta all’appello delle Rsa

Fondazione Comunitaria Vco promotrice di una rete di finanziatori. Appena la Regione li autorizzerà verranno avviati a Verbania e Omegna

vco -

Si susseguono in questi giorni gli appelli dei responsabili delle Rsa, che denunciano le gravi difficoltà in cui sono costretti a operare per garantire i necessari livelli di sicurezza e assistenza agli ospiti, soggetti fragili particolarmente esposti ai rischi connessi alla pandemia.

Tra le “criticità” segnalate dai dirigenti delle strutture assistenziali, emerge la carenza di figure professionali sanitarie (medici e infermieri) e socio sanitarie (OSS).

Coerente al proprio ruolo, che è quello di intercettare i bisogni del territorio e di cercare di darvi risposta, la Fondazione Comunitaria del VCO si è fatta promotrice di una rete in grado di finanziare nuovi corsi di formazione professionale per OSS (Operatori Socio Sanitari).

All’appello hanno generosamente risposto il Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano (100 mila euro),la Fondazione Buon Lavoro (20 mila euro) e la Fondazione Vita Vitalis (5 mila euro). Grazie ai loro contributi, a cui si è aggiunto quello (40 mila euro) della Fondazione Comunitaria (con risorse messe a disposizione da Compagnia di San Paolo) è stato possibile affidare a V.C.O. Formazione l’incarico di avviare due corsi di formazione per OSS (costo complessivo 165 mila euro).

Non appena la Regione Piemonte ne darà l’autorizzazione, i due corsi (ciascuno per 25 posti) verranno avviati a Verbania e Omegna (aggiungendosi a quello già autorizzato e finanziato dalla Regione a Domodossola).

Con questa iniziativa”, commenta il presidente della Fondazione Comunitaria del VCO, Maurizio De Paoli, ”speriamo di poter dare, in tempi ragionevoli, una concreta risposta alle nostre Rsa e anche ai servizi domiciliari territoriali, formando cinquanta nuovi OSS. Al tempo stesso daremo a queste persone una nuova opportunità occupazionale”.

Questa iniziativa, prosegue il presidente della Fondazione Comunitaria, “è l’ennesima dimostrazione di quanto questo territorio sia in grado di fare quando riesce a creare una rete capace di intercettare i bisogni della comunità. Sento di dover dire un caloroso grazie, per aver scelto la Fondazione Comunitaria come capofila, a tutti coloro che hanno accolto il nostro appello (Fondazione Buon Lavoro, Fondazione Vita Vitalis e Compagnia di San Paolo. Un grazie particolare va al Consorzio dei Servizi Sociali del Verbanoche ha deciso di investire una somma considerevole, frutto dell’avanzo di amministrazione, in questo progetto”.

“L’Assemblea dei Sindaci del Consorzio del Verbano ha deliberato di destinare 100.000 euro per finanziare un corso Oss, raccogliendo l’accorato appello del territorio per sostenere concretamente i servizi sociali e sanitari in questo delicatissimo periodo storico”, interviene Franco Diazzi Presidente, che aggiunge: “Anche su questa scelta impariamo che solo mettendo insieme le risorse possiamo valorizzare meglio il contributo di ciascuno al servizio di tutti”.

Ricerca in corso...