Ecco cosa fare a Ferragosto in Ossola

DOMODOSSOLA -

Ferragosto ormai è alle porte e l'Ossola si prepara a festeggiarlo.Sul calendario sono segnati numerosi eventi per la giornata del 15 agosto, dei quali il più importante è sicuramente il Palio degli Asini di Premosello, che come da tradizione si disputerà nel pomeriggio. Il Palio, che esiste da sessantaquattro anni, è la ricorrenza più importante per Premosello, in questi giorni già stata addobbata con decorazioni dei colori delle diverse contrade. Lo scorso anno ha vinto Colloro,con l'asinello cavalcato da Fabio Trentani.

Il periodo centrale di agosto è quello in cui, in diversi comuni dell'Ossola, si celebra la Festa dell'Assunta: sarà possibile partecipare ai festeggiamenti anche a Ferragosto all'Alpe Veglia, a Santa Maria Maggiore, a Calasca, a Trasquera e Bognanco. Tra le altre feste, saranno ancora in corso quella della Lucciola a Villadossola, giunta al suo penultimo giorno, e la patronale di San Rocco a Villette. Ultimo giorno, invece, per la Festa di San Domenico di Varzo, per la Festa Campestre degli Alpini a Santa Maria Maggiore e per La Sportiva in Festa a Druogno. A Devero e Montecrestese si celebra la festa degli Alpini, Antrona Piana festeggia ferragosto con il Gruppo Folk, mentre Formazza con la festa Campestre, la Sagra del Dolce e un pomeriggio di concerti in Località Valdo. A Macugnaga vanno in scena il Cinema Sotto le Stelle e la Festa Patronale, mentre a Druogno è tutto pronto per la Fiera di Ferragosto. Mergozzo celebra il 15 agosto con un pic-nic di scambia gastronomici in centro paese, mentre a Varzo si celebra la Festa Patronale dell'oratorio di Coggia. Per quanto riguarda le mostre, saranno aperte a Malesco quella di Gian Piero Pirinoli (ultimo giorno disponibile) e “Ombre di Colore”. A Craveggia sarà aperta fino a settembre “Legno e Cielo”, mentre ci sarà tempo fino al 20 agosto per visitare la mostra di Bossone a Calasca. Altre mostre da visitare anche a Ferragosto sono “Percorsi Trasversali” a Mergozzo, quelle dei disegni di Giancarlo Sangregorio e dei dipinti del vigezzino Francesco Balconi a Druogno, e infine quella di cartografia antica all'Alpe Veglia. Sempre a Druogno rimarrà aperto anche il Polo Museale dell'Universicà, come l'esposizione artistica dei pittori vigezzini a Santa Maria Maggiore.

Ricerca in corso...