Fondazione Crt, quasi 4 milioni per le attività no profit del territorio

Finanziato un progetto del Museo della Scuola e del Libro per l'Infanzia dedicato al centenario di Gianni Rodari

vco -

Sono in tutto 235 i progetti di istituzioni ed enti non profit che saranno realizzati sul territorio di Torino e provincia con i 3,9 milioni di euro di contributi assegnati dalla Fondazione CRT nella seconda sessione 2020 delle richieste ordinarie, ossia non rientranti in specifici bandi tematici. Salgono così a 571 le iniziative ordinarie sostenute quest’anno da Fondazione CRT con circa 8 milioni di euro complessivi.

 

Sostenere capillarmente le istituzioni e le associazioni non profit, che costituiscono la ‘trama’ produttiva, sociale e culturale delle comunità, significa rafforzare la resilienza del territorio in un periodo eccezionalmente complesso come questo”, commenta il presidente della Fondazione CRT, Giovanni Quaglia.

 

Un periodo complesso, cui Fondazione ha replicato con l'individuazione di alcuni argomenti particolarmente significativi: “Phygital experience, sostenibilità sociale e ambientale, nuove generazioni - afferma il Segretario Generale della Fondazione CRT, Massimo Lapucci -: sono gli elementi al centro delle iniziative sostenute da Fondazione CRT, in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e con le esigenze del nuovo mondo post Covid”.

 

In particolare, per l’area Welfare e Territorio Fondazione CRT ha deliberato 104 contributi per 1,3 milioni di euro. Tra gli interventi in ambito volontariato, il progetto “Sviluppo rete metropolitana e regionale di assistenza alle vittime di reato” dell’Associazione Rete Dafne onlus che aprirà 3 nuovi sportelli di accoglienza ad Asti, Cuneo e Rivarolo; le iniziative di sostegno alimentare “Educhiamo al cibo, aggiungiamo valore” dell’Associazione veterinaria per la cooperazione internazionale, che gestisce l’Emporio della Solidarietà cui si rivolgono circa 500 persone, e “#UnaCrescentinoCheAiuta” della Croce Rossa italiana-Comitato locale di Crescentino per l’informatizzazione dell’emporio solidale; il progetto “Respiro” della Fondazione torinese don Mario Operti Onlus per la costituzione di un fondo di garanzia a supporto di persone, famiglie e micro attività in difficoltà economica a causa della crisi sanitaria.

 

In ambito Protezione civile sarà acquistato un autocarro per la Colonna Mobile Regionale, cui Fondazione CRT ha destinato negli anni 6 milioni di euro per la costituzione e il mantenimento.

 

In ambito sviluppo del territorio, il progetto “Il Monferrato dei Castelli Bruciati” a Odalengo Grande, un itinerario di oltre 100 km per il turismo lento a piedi, a cavallo, in bicicletta; il progetto “Semi di Biodiversità” dell’Associazione WWF oasi e aree protette piemontesi di Biella, per conservare le piante rare o protette “ex situ” (attraverso la raccolta, la conservazione, la propagazione e la coltivazione di semi) e a sensibilizzare il pubblico sull’importanza della conservazione della biodiversità vegetale; il progetto dell’Unione montana Valle Stura “Oltrepassare il confine”, un festival itinerante che, attraverso il territorio della Valle Stura, declinerà il tema dei confini nel presente, nel passato e nel futuro, nei diversi linguaggi contemporanei.

 

Per l’area Ricerca e Istruzione sono stati approvati 103 contributi per oltre 2,3 milioni di euro: circa 1,1 milioni di euro agli enti del territorio e 1,2 milioni di euro ai progetti degli Atenei.

 

Oltre a tradizionali eventi divulgativi come ‘Giovedì Scienza’ e il Festival dell’Innovazione e della Scienza di Settimo Torinese, Fondazione CRT sostiene quest’anno numerose progettualità focalizzate sul Covid, sugli effetti della pandemia nella società e su possibili soluzioni concrete alle problematiche in ambito scuola, lavoro e trasporti.

 

Fondazione CRT supporta inoltre le attività di ricerca di realtà come la Fondazione Edo ed Elvo Tempia, l’Istituto Zooprofilattico e gli istituti del CNR che operano in Piemonte e Valle d’Aosta, e il sistema della ricerca degli Atenei del territorio: i contributi allo sviluppo di progetti di eccellenza - dall’oncologia alla tecnologia, dalla neurologia all’ambiente, dalla didattica alla fisica, dalle scienze internazionali alla psicologia - permettono a giovani ricercatori e scienziati di portare avanti la propria attività e, nello stesso tempo, contribuiscono all’avanzamento della conoscenza in numerosi campi del sapere.

 

Nel campo dell’Arte e Cultura Fondazione CRT ha assegnato 28 contributi per complessivi 280 mila euro a sostegno, in particolare, di festival cinematografici e culturali, iniziative di audience engagement, archivi digitali. Tra i progetti sostenuti, il Dirittibus del Museo Diffuso della Resistenza, il bus che, toccando quartieri e scuole di Torino (compatibilmente con l’emergenza sanitaria),coinvolge la città sul tema dei diritti; la “Rete di Archivi della Collina Torinese e del Chierese”, un portale ad hoc per valorizzare un patrimonio culturale locale rendendolo accessibile a un pubblico ampio; il Seeyousound International film, primo festival cinematografico in Italia dedicato al cinema di genere musicale. E ancora: l’iniziativa “A scuola con Rodari. Dai giornalini scolastici cartacei degli anni ’70 ai giornalini di classe online di oggi”, promossa dal Museo della Scuola e del Libro per l'Infanzia per il centenario della nascita dello scrittore; Librinfesta 2021 dell’Associazione culturale il Contastorie di Alessandria e il NovaraJazz Kids.

Ricerca in corso...