Il maltempo mette in ginocchio un allevatore ossolano: morti oltre mille capi tra capre e pecore

"Ho perso 50 anni di duro lavoro"

PREMOSELLO CHIOVENDA -

Grave danno quello subito da Fiorenzo e Kevin Hor, pastori nomadi ossolani, la Toce ha inghiottito oltre mille dei loro animali.


Abbiamo raggiunto telefonicamente Fiorenzo che desolato ha detto: "In pochi minuti ho perso 50 anni di duro lavoro, mille animali fra pecore, capre, asini e un cane. Si sono salvati gli altri cani e un'asina. È stato terribile. Mai visto nulla di simile. È arrivata un'ondata improvvisa che ha travolto tutto e tutti. Siamo solo riusciti a salvare un po' degli animali del gregge di mio nipote Kevin che sembrerebbe aver perso altre 200/300 bestie. Un disastro! Sono anni che scendiamo o saliamo lungo l'asse della Toce, abbiamo convissuto con molte alluvioni, con piogge anche più intense e prolungate ma non abbiamo mai visto e subito nulla di così violento, improvviso e drammatico".


Gli Hor erano scesi nei giorni scorsi dalle montagne della Valle Anzasca dove avevano trascorso i mesi estivi e si trovavano nella zona di Premosello.
L'ipotesi più probabile potrebbe essere che l'improvvisa ondata sia stata causata da una serra formatasi a monte e poi scoppiata all'improvviso.

Walter Bettoni
Ricerca in corso...