Incredulità e commozione per la tragica scomparsa di Davide Bolognini

Il capogruppo del Pd in consiglio comunale aveva da poco compiuto 50 anni

DOMODOSSOLA -

Amici, compagni di partito, ma anche avversari politici hanno ricordato con post e messaggi sui social Davide Bolognini. Il capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale a Domo si è tolto la vita nella sua casa di Masera dove viveva con la moglie Monica lunedì nel tardo pomeriggio. Una tragica notizia che ha lasciato attonite e sbigottite le tantissime persone che lo conoscevano.

Bolo, così era stato soprannominato ai tempi della scuola, aveva compiuto 50 anni a settembre. Da ormai 10 anni sedeva nella sala storica della Resistenza in Municipio a Domodossola. Prima consigliere comunale nell'amministrazione Cattrini, poi capogruppo del Pd all'opposizione nell'amministrazione Pizzi. Bolognini era anche consigliere provinciale di minoranza.

Una passione e una dedizione la sua per la politica. Sempre in prima linea nelle iniziative del Pd, dai banchetti al mercato domese alle assemblee cittadine e provinciali, alle riunioni nella sede del partito, mai un'assenza in consiglio comunale, mai una seduta consigliare senza un suo intervento, senza dimenticare la sua immancabile presenza come volontario alla Festa della Lucciola.

Un modo di fare politica, a detta anche dei suoi avversari, sano e onesto, a volte urlato, a volte sopra le righe, ma sempre e comunque rispettoso dell'avversario.

Alla famiglia giungano le più sentite condoglianze della Redazione di Ossolanews.

 

Redazione
Ricerca in corso...