“La dad universitaria favorisce il diritto allo studio delle categorie svantaggiate”

Il gruppo UniDad, nato da quattro studenti torinesi, invierà una richiesta ad atenei e governo per la prosecuzione delle lezioni digitali in supporto a quelle in presenza

TORINO -

Il sapere virtuale visto come opportunità formativa che pone tutti gli studenti sullo stesso piano. È questa l’idea, di certo rivoluzionaria e inattesa, di un gruppo di universitari torinesi, che hanno dato vita al gruppo UniDad con proposte concrete e costruttive per la prosecuzione della didattica a distanza anche dopo la fine della pandemia.

In un panorama accademico dominato, nelle ultime settimane, da proteste di piazza contro le restrizioni dei servizi in presenza e a favore dell’abolizione delle tasse, c’è chi invece le lezioni in modalità digitale le apprezza e le difende, con l’intento di mantenerle nel tempo quale strumento accessibile per tutti gli iscritti. 

Una 'crociata umanistica’ lanciata da quattro studenti di Unito - Irene Lugano, Francesco Blasi e Maria Rita Leotta del Dams, più Laura Lovacora di Scienze della mediazione linguistica -, che sta prendendo sempre più piede non solo a Torino e in Piemonte, ma anche sull’intero territorio nazionale, grazie a un’attività social costante e quotidiana in cerca di feedback, pareri e suggerimenti.

Il direttivo ha elaborato, in questi giorni, una lettera da inviare a tutti i rettori degli atenei italiani, al premier Giuseppe Conte e ai ministeri dell’Istruzione, delle Pari Opportunità, dell’Università e della Ricerca, con la stessa richiesta: mantenere la dad, a emergenza sanitaria terminata, sempre e comunque come alternativa per tutti gli studenti che, per un motivo o per un altro, non possono essere in aula per seguire le lezioni e sostenere gli esami, ma che, in quanto paganti tasse, hanno diritto, come tutti, al servizio offerto. 

“Durante il lockdown e ancora negli ultimi mesi - spiega Francesco Blasi - è venuto alla luce un fattore molto chiaro: seppur con grandissimi margini di miglioramento, la dad non solo è una realtà possibile, ma anche un’opzione che favorisce largamente il diritto allo studio. Siamo consapevoli che non possa essere equiparata alla qualità dei corsi e degli esami in presenza, e infatti non vogliamo in alcun modo sostituirla o sovrapporla. Chiediamo solo di conservarla in affiancamento alla didattica in aula, perché potrebbe di fatto rappresentare un aiuto prezioso a tantissime categorie. Pensiamo ad esempio allo studente-lavoratore o lo studente-genitore, o il fuori sede che non può permettersi un appartamento in città o che, per motivi personali, non può allontanarsi da casa, nonché i diversamente abili o i soggetti affetti da patologie croniche, e tutti coloro che non riescono a gestire la vita da pendolare”.

E i docenti cosa ne pensano? “Alcuni non sono d’accordo, preferiscono il vecchio metodo - racconta ancora Francesco -. Ma abbiamo visto che tanti, specie in alcuni dipartimenti dov’è necessaria l’interazione e la condivisione di materiali multimediali durante le spiegazioni, si sono ingegnati con tecniche innovative, sperimentando modi diversi di portare avanti il programma. Certi hanno anche riscontrato dei vantaggi, nella dad, e stiamo cercando di coinvolgerli nel nostro progetto. Siamo anche in contatto con alcuni professori che la praticano da diversi anni pre pandemia, e ovviamente stiamo ricercando diversi referenti nei vari atenei per aprire un dialogo e unire le forze per migliorare le criticità. Perché riteniamo che la docenza sia il fulcro, perno dell'erogazione della didattica”.

E conclude: “Non vogliamo soppiantare il rapporto umano costruito in aula, ma equiparare tutti gli iscritti allo stesso livello di apprendimento e opportunità. Partiamo da qui, poi ognuno si organizza in base al proprio stile di vita e tutto ciò che vive collateralmente all’università. Ma, almeno, un’alternativa iniziamo a darla, anche per chi volesse dare un esame online anziché recarsi in sede pur non appartenendo alle categorie indicate come fragili dal ministero”.

Sul gruppo Facebook UniDad è possibile compilare un form di riferimento ed entrare in contatto con il team: uno unico per gli studenti di Unito e Polito, un altro per il resto degli atenei italiani e un terzo per raccontare la propria esperienza con la dad negli ultimi mesi. 

Intanto, il direttivo ha recentemente inoltrato la domanda per l'iscrizione all'Albo delle Organizzazioni studentesche di Torino.

Ricerca in corso...