Lega Giovani Piemonte: “Nel Recovery Fund pochi fondi per le nuove generazioni”

“Ancora una volta questo governo si è affidato agli slogan senza mai dare concretezza alla promesse fatte”

TORINO -

Preoccupazione e rammarico nella lettera che la Lega Giovani, movimento rappresentato da settemila ragazzi e da oltre 1000 amministratori di tutta Italia ha scritto al premier Giuseppe Conte.

Riteniamo esigua - chiarisce il Segretario Piemontese dei Giovani della Lega e deputato Flavio Gastaldi, dando voce ai 76 amministratori della sua regione firmatari dell’iniziativa - la percentuale di fondi destinati ai giovani all’interno del Recovery Fund. Ancora una volta questo governo si è affidato agli slogan senza mai dare concretezza alla promesse fatte”.

“I dati relativi a disoccupazione giovanile e abbandono scolastico sono drammatici - proseguono i giovani della Lega piemontesi eletti in Consiglio regionale Matteo Gagliasso, Letizia Nicotra e Sara Zambaia - nelle istanze di indirizzo contenute nell’ultima bozza del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, Next Generation Italia, si fa riferimento in modo didascalico a interventi mirati a ricadute occupazionali a favore dei giovani grazie allo sviluppo di nuovi settori e opportunità, attribuendo a questo obiettivo l’1% delle risorse. Una incoerenza palese sin dal mandato, che è orientato a costruire un futuro per le nuove generazioni, e non deve diventare un bancomat per gli errori presenti e passati".

Ricerca in corso...