Premosello, si commemora l'eccidio di 72 anni fa

Correva l’anno 1944, il 29 agosto per la precisione, la Seconda guerra mondiale era nel pieno svolgimento delle sue fasi più cruente. Anche Premosello Chiovenda fu vittima di un sanguinoso eccidio nazifascista. In seguito all’uccisione di un tedesco sorpreso a rubare, nelle frazioni di Colloro e Cuzzago furono fucilati quattro contadini, due donne e due uomini, molti altri rimangono ustionati e feriti nel rogo appiccato in tredici abitazioni e trentacinque stalle con dentro tutto il bestiame. Quarantanove abitanti furono infine deportati nei lager. Domenica 28 agosto l’Associazione Nazionale Partigiani Italiani di Premosello e l’Associazione ex-combattenti & reduci di guerra di Premosello organizzano la manifestazione commemorativa in ricordo del 72° eccidio nazifascista. Il corteo partirà alle 10.30 in piazza Bolzani e, attraversando le vie Chiovenda, Caduti per la Libertà e Sempione, arriverà a deporre l’omaggio floreale alle lapidi dei Caduti Partigiani e del comandante Valdossola Dionigi Superti. Alle 11.45, dopo gli interventi delle autorità, si terrà l’orazione ufficiale di Valerio Rossi, presidente dell’ANPI di Premosello. Il servizio musicale è eseguito dalla banda S. Cecilia di Fomarco. La celebrazione religiosa è prevista per lunedì 29 agosto alle 18 nella Chiesa parrocchiale SS. M. Assunta per l’ufficio funebre dedicato ai caduti dell’eccidio.

Ricerca in corso...