Ricordando don Giuseppe Rossi in attesa della sua beatificazione

CALASCA CASTIGLIONE -

ph Marco Sonzogni

Nei giorni scorsi si è svolta nella parrocchia di Castiglione Ossola la commemorazione di don Giuseppe Rossi. È stata scelta la data del 22 settembre perché nello stesso giorno di ventotto anni fa, nel 1991, furono traslati i resti mortali del parroco martire, dal cimitero di Varallo Pombia, dov’era sepolto, alla chiesa parrocchiale di Castiglione.
Un significativo momento di preghiera presso la cappelletta eretta nel vallone di Colombetti, luogo del martirio, ha anticipato la funzione religiosa celebrata nella chiesa di San Gottardo e presieduta da don Fabrizio Cammelli, da padre Marco Canali delegato vescovile e dai parroci di Varallo Pombia.
L’incontro religioso è stato anche occasione per fare il punto sulla causa di beatificazione in corso.
Don Marco Canali ha illustrato ampiamente il percorso di canonizzazione che dovrebbe essere quasi ultimato.
Il volume relativo a don Rossi è stato consegnato agli storici della Congregazione per le cause dei Santi che valuteranno, nei primi mesi del 2020, la sussistenza dei requisiti per la beatificazione.
Dopo questo passaggio saranno i padri cardinali a pronunciare il parere definitivo.
Non poteva mancare un ricordo a don Severino Cantonetti “vissuto nell’ombra del suo predecessore” per il quale ha destinato ogni energia disponibile. 

Ricerca in corso...