San Giorgio, gli auguri del Comune di Varzo

“La Principessa rappresenta la Comunità Varzese”

VARZO -

È con una lettera pubblicata sul Profilo Facebook istituzionale che il comune di Varzo fa gli auguri ai cittadini per la festa patronale che, per causa del coronavirus, non è stato possibile festeggiare con la tradizionale festa.

San Giorgio, la Principessa e il drago.

Oggi 23 Aprile ricorre la festa del Santo Patrono di Varzo, di lui si sa che nasce in Cappadocia(Turchia) intorno al 275 muore martirizzato sotto Diocleziano.La leggenda vuole che San Giorgio un giorno passasse per una città di nome Selem(Libia)dove in un lago vivesse un grosso e insaziabile drago che non si accontentava più di mangiare le offerte che gli venivano date dagli abitanti della città ma, volesse mangiare gli stessi esseri umani.E fu così che San Giorgio diventò famoso come uccisore di draghi per eccellenza. Nel Medioevo la lotta di San Giorgio contro il drago diviene il simbolo della lotta del bene contro il male e, per questo, il mondo della cavalleria vi vide incarnati i suoi ideali. La leggenda del soldato vincitore del drago contribuì al diffondersi del suo culto, che divenne popolarissimo in Occidente ed in tutto l'Oriente bizantino, ove egli è per eccellenza il «grande martire» e il «trionfatore». Rapidamente egli divenne un Santo tra i più venerati in ogni parte del mondo cristiano. In questa giornata, per i Varzesi solitamente di gioia e che rappresenta ormai da anni anche l'inizio della prima grande festa di primavera nella nostra provincia, abbiamo voluto realizzare il manifesto riportato dove immaginiamo che San Giorgio anche in questa occasione si trovi a combattere il male, un nemico subdolo e invisibile questa volta rappresentato dal covid-19. La Principessa rappresenta la Comunità Varzese che a distanza di sicurezza osserva preoccupata e speranzosa il furioso e impari scontro. Abbiamo utilizzato un famoso dipinto di Raffaello, magistralmente rivisto dall'amico Mario Zacchetti e l'immagine vuole trasmettere l'idea che comunque anche in questa situazione particolarmente complicata e di emergenza, una Comunità unita e rispettosa delle indicazioni che vengono date, sarà in grado di superare anche questo terribile evento. Verremo liberati dal male e ne usciremo sicuramente provati ma più forti di prima. Buona Festa Patronale.

Ricerca in corso...