Si va verso un Ferragosto con il tutto esaurito

Verbania -

Bilancio positivo per il turismo della nostra provincia. Il VCO è in linea con i dati statistici nazionali, derivanti da un’indagine last-minute sulle vacanze, i quali ci dicono che l’estate 2017 sarà caratterizzata da un’ottima performance.

“Saranno oltre 34 milioni gli italiani tra maggiorenni e minorenni che si metteranno in movimento nei mesi estivi, pari al 56,6% dei connazionali, con un aumento del 3,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno” ha commentato Bernabò Bocca Presidente Nazionale di Federalberghi “Il giro di affari si attesta sui 22 miliardi di euro, in crescita del 2,2% rispetto al 2016. Agosto si conferma il mese per eccellenza dedicato alle vacanze, ma si rileva anche un’apprezzabile crescita del mese di settembre, scelto dal 12,4% degli italiani. Si tratta di un dato che lascia ben sperare e che merita di essere accompagnato con adeguate politiche di destagionalizzazione”.

Sia nel Verbano che in Ossola, il numero di presenze è in linea con quello della precedente stagione estiva. Il VCO conserva la sua attrattività, soprattutto per il turismo internazionale, mentre nelle nostre zone montane, si registra un buon afflusso di turisti italiani giustificato anche dalle alte temperature di questa rovente estate. Secondo alcuni operatori del settore, proprio grazie al clima favorevole, la stagione ha avuto già un avvio decisivo, con importanti risultati già dal mese di aprile. Bene anche le presenze registrate durante le festività e i ponti.

Soprattutto sul lago sono in crescita invece i viaggiatori che si spostano e di conseguenza soggiornano, anche per lavoro. A seguito di ciò, aumentano i soggiorni brevi, mentre i gruppi restano fedeli alla formula delle vacanze programmata a medio-lungo termine. Ma quali sono le previsioni per il mese di agosto? Le strutture annunciano già il tutto esaurito per la settimana centrale di Ferragosto: c’è ancora qualche disponibilità, ma si tratta di rare eccezioni, la maggior parte delle date sono full.

Le nazionalità dei turisti che visitano il nostro territorio è ancora prevalentemente internazionale: nello specifico olandesi, tedeschi, svizzeri, francesi, russi. Leggermente in calo gli inglesi per via delle temperature alte di questa stagione e del cambio sfavorevole. L’Italia resta dunque ancora una delle mete più ambite dagli stranieri soprattutto per una questione di sicurezza, oltre che si sa, per il buon cibo, la cultura, i paesaggi mozzafiato, il clima.

Possiamo concludere affermando che, stando ai dati statistici registrati fino ad ora, la stagione è in crescita e denota una certa positività di cui il territorio aveva bisogno. L’economia del turismo continua a creare posti di lavoro e a distribuire ricchezza nonostante i vari ostacoli.

Vincenzi, Presidente provinciale Federalberghi interviene: “Ecco perché gli imprenditori che credono e investono in questo settore ribadiscono la necessità di misure capaci di sostenerne la crescita, incentivando la riqualificazione delle strutture, riducendo il peso della pressione fiscale, contrastando con decisione ogni forma di esercizio abusivo delle attività turistiche! Ci auguriamo che l’agenda autunnale delle istituzioni, così come i programmi delle forze politiche per la prossima legislatura, pongano finalmente il turismo al centro delle politiche di sviluppo del nostro Paese“. (C.S.)

Redazione on line
Ricerca in corso...