Una cabina di regia per garantire l'applicazione del protocollo a tutela dei lavoratori

I sindacati: “La cabina di regia sarà un luogo in cui verificare l’applicazione degli accordi e segnalare eventuali inadempienze”

Verbania -

Videoconferenza tra Prefetto di Verbania, Cgil, Cisl e Uil e Unione Industriali venerdì scorso. Una riunione a seguito della richiesta avanzata dai sindacati locali relativa all'applicazione del protocollo nazionale del 14 marzo, che regolamenta le misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 nei luoghi di lavoro.

Cgil, Cisl e Uil hanno evidenziato come sia necessario garantire i dispositivi di protezione a tutti i lavoratori e le lavoratrici che prestano la propria attività nei servizi di pubblica utilità. In particolare per chi lavora in sanità, nei servizi ausiliari, nelle case di riposo, nel pronto intervento, nella grande distribuzione; a quelli che non sono soggetti ai blocchi lavorativi previsti dal decreto ed ai lavoratori frontalieri, parte importante della forza lavoro della provincia.

I sindacati hanno chiesto di istituire una cabina di regia (con tutte le parti datoriali, Asl, Itl) per monitorare l’applicazione del protocollo e che affronti la gestione delle anticipazioni degli ammortizzatori sociali. Il Prefetto ha accolto la richiesta di Cgil Cisl e Uil.

La cabina di regia che verrà convocata a stretto giro sarà un luogo in cui non solo verificare l’applicazione bensì anche segnalare eventuali inadempienze in uno spirito di reciproco scambio di informazioni che metta al centro il bene della salute di lavoratori e cittadini” spiegano dai sindacati.

Il plauso di un'infermiera a colleghi, personale sanitario e volontari impegnati in prima linea contro il covid-19

Ricerca in corso...