Crodo ai play out, ma brucia il ricorso ignorato da Torino

Crodo -

Il Crodo va ai play out ed affronterà l'Olimpia Novara. Si giocherà in Ossola, visto che negli scontri diretto il Crodo ha pareggiato in casa e vinto a Novara. Ma è sul ricorso respinto al Crodo che vogliamo tornare. Una decisione che fa un po’ a pugni con la logica.

Diciamo subito che come è andato il campionato i tre punti assegnati a tavolino non avrebbero salvato il Crodo, che avrebbe comunque dovuto spareggiare.

Ma restiamo alla cronaca. Il Crodo perde la partita col Gravellona per 2 a 0. In campo con gli avversari c’era un giocatore che doveva essere squalificato: il Crodo fa reclamo, rispettando tempi e regole.

La partita contestata si svolge domenica 22 aprile e il Crodo ha tempo sino alla ore 12 di martedì 24 per far arrivare il ricorso a Torino. La stessa domenica, alle 18,30, parte il telegramma alla Federazione con il reclamo; lunedì 23 aprile alle 9,30 vengono spedite le raccomandate al Gravellona e alla Federazione, in questa busta il Crodo inserisce anche la ricevuta della raccomandata fatta al Gravellona. Lunedì pomeriggio, alle 17, la società ossolana manda anche una mail in Federazione, allegando copia della raccomandata inviata alla Lega e al Gravellona. Risultato: ricorso respinto perché fuori tempo.

Prima domanda: se la postina a Torino consegna la corrispondenza dopo le 12 di tutti i giorni ogni ricorso più essere respinto.

Seconda domanda: ma  il telegramma e la mail mandate poche ore dopo la partita con le copie esatte che senso hanno se non se ne tiene conto? Burocrazia inutile, se per la Federazione son carta straccia?

 

Redazione on line
Ricerca in corso...