Il direttore tecnico della Juve Domo: “Attenti fin da subito alla problematica sanitaria”

Pratini: “Il discorso economico verrà affrontato quando tutto tornerà alla normalità”

DOMODOSSOLA -

Siamo stati attenti fin da subito alla problematica sanitaria. Non appena sono state chiuse le scuole abbiamo fermato l'attività di base; siamo stati i primi nel territorio a sospendere gli allenamenti”

Così parla Graziano Pratini, direttore tecnico della Juve Domo, a un mese dall'ultima partita giocata sui campi locali. Era il 23 febbraio e la squadra ossolana vinse 3-1 in casa del Bianzè: oggi invece le priorità sono diverse per tutti. “La presidentessa Zariani è molto sensibile al tema della tutela dei tesserati e questo rimane il nostro primo pensiero. Non sappiamo cosa accadrà nelle prossime settimane, ma ci comporteremo di conseguenza a ciò che dirà la Federazione; quando e se chi ha più competenze di noi ritenesse il problema sanitario rientrato e ci fossero le condizioni per far ripartire il campionato, noi non ci opporremo a priori alla decisione”. Per tutto il sistema calcistico dei dilettanti, ripartire non sarà sicuramente facile dal punto di vista economico: “Noi abbiamo subito chiuso tutto pensando alla salute dei nostri ragazzi, questo è l'importante e il discorso economico verrà affrontato quando tutto tornerà alla normalità” spiega Pratini. “Oltre agli sponsor, la nostra società si autofinanzia con i tornei e con i camp estivi che avevamo già in programmazione. Sarà un danno economico importante, ma la nostra unica preoccupazione al momento è la salute dei ragazzi”.

Dal punto di vista calcistico, sono stati sei mesi positivi, quelli della Juve Domo, che ha raggiunto il quarto posto in classifica. “I nostri obiettivi a inizio stagione erano due e li stavamo raggiungendo entrambi” afferma il dirigente granata. “Arrivare in zona play-off e fare esordire giovani del vivaio. Anche le nostre squadre del settore giovanile stavano andando bene nei rispettivi campionati, grazie a ragazzi volenterosi e ad allenatori di ottima qualità. Inoltre, anche la nostra Under 15 femminile, allenata da un'allenatrice preparata come Stefania Donati, una dei pochi Uefa A nel nostro territorio, ha fatto molto bene; una nostra ragazzina ha anche avuto due provini con squadre professionistiche e questo testimonia l'ottimo lavoro fatto”.

Ricerca in corso...