Promozione, minuti di recupero fatali per il Vogogna

DOMODOSSOLA -

Primo punto per il Vogogna: 3-3 in casa con lo Sparta. Ma è un pari amaro, arrivato al 95’, a tempo scaduto. Come era arrivata al 96’ la sconfitta di Santhià. Leggerezze arbitrali, con direttori che prolungano oltre il recupero concesso e che per il Vogogna cono costati tre punti.  Troppi però i gol subito in casa bianco verde: 20 in 6 partite. Nota positiva la tripletta di Riccardo Pesce. Tre gol che avevano dato l’illusione. Per il giovane attaccante di Domodossola la soddisfazione di essere già a quota 6 reti fatte: la media di una a partita.

In casa domese ha ragione il ds Graziano Pratini intervistato dalle tv: per 70 minuti la Juventus Domo non è stata all’altezza. Aggiungiamo, noi, che anche a Novara con lo Sparta la squadra aveva regalato un tempo agli avversari. Ma domenica la differenza tecnica è emersa: il bellissimo gol  di Cabrini e la vivacità di Jerich (un 2001 già in gol in Coppa) hanno fatto la differenza. Tre punti che fanno classifica per i granata che stentano in questa fase d’avvio ma restano a ridosso della prime, in attesa che la ‘’macchina’’ giri a dovere.  La vittoria (2-1) sul Bianzè  è positiva anche per i recuperi di due giocatori importanti come Soncin e Gualandi a sopperire le assenze di Lipari e Falcioni squalificati.

Non bene il Piedimulera  che perde in casa contro il Briga. In questo campionato l’undici di Poma era partito bene: 2 vittorie nelle prime due partite. Poi un pari e tre sconfitte nelle ultime quattro: un ruolino di marcia che rende deficitaria la classifica.  La vittoria del Briga in Ossola (2-0) pesa anche  per le espulsioni in casa gialloblu, quelle di  Dolce e Di Stefano.

Ricerca in corso...