A Calasca torna l’attesa “Festa di Fratitt”

CALASCA -

La tradizionale “Festa di Fratitt” che celebra S. Antonio Abate, eremita egiziano invocato a protezione degli animali, sarà preceduta oggi, giovedì 17 gennaio, alle ore 20.30 nella chiesa parrocchiale di Calasca dalla S. Messa solenne in onore del patrono e a suffragio di tutti i defunti del paese.

Come ricorda Marco Sonzogni in un suo testo, “la leggenda vuole che nella notte fra il 16 e il 17 gennaio gli animali, protetti da sant’Antonio, abbiano la facoltà di parlare”.

Domenica 20 gennaio nella “Cattedrale tra i boschi” alle ore 11 sarà celebrata la S. Messa a cui seguiranno la benedizione e la distribuzione del pane nero.

Nel pomeriggio, alle 14,30 sarà officiato il Vespro solenne con processione e benedizione eucaristica con l’omaggio dei frati e dei fratini che in corteo sfileranno tra le vie del paese anzaschino con asinelli carichi di regali fino ad entrare nella basilica.

Non mancherà il tradizionale abete, addobbato con prodotti locali e altri doni, che sarà sospinto fin dentro la chiesa dove entreranno anche gli animali.

Le celebrazioni religiose e civili saranno accompagnate dalla Corale di Calasca e dal Premiato Corpo Musicale di Bannio. 

Ricerca in corso...