Bannio Anzino, ordine del giorno dell'Unione Montana per evitare la chiusura della banca

bannio anzino -

E' stato approvato  all'unanimità dall'Unione Montana delle Valli Ossola un ordine del giorno per il mantenimento della filiale del Banco Popolare a Bannio. L'argomento che non rientrava nell'ordine del giorno è stato proposto dal sindaco di Bannio Pier Franco Bonfadini. “Abbiamo ricevuto una comunicazione a metà di aprile da parte della banca la quale annunciava una loro intenzione di chiudere alcuni sportelli tra i quali anche quello di Bannio a partire da giugno. Come amministrazione abbiamo pensato di non divulgare subito la notizia, ma di cercare di prendere contatti con la banca e di informare i politici della zona sulla situazione. Bannio Anzino – ha ricordato Bonfadini - rientra nel progetto aree interne volto a creare sviluppo e a cercare di mantenere la gente nella valle. Quindi togliere un servizio come la banca rappresenterebbe una forte penalizzazione sia per i comuni, sia per le aziende sia per i privati”. Il comune ha già approvato un ordine del giorno che è stato inviato all'Unione Montana, alla Regione alla Provincia, ai parlamentari locali. “E' una banca che lavora – ha detto Bonfadini - non dimentichiamo che il governo italiano ha stanziato parecchi milioni di euro per salvare le banche. Noi non ci stiamo a questa chiusura se avrò una risposta negativa nell'incontro con i funzionari bancari, mi attiverò con altri istituti bancari per dare continuità a un servizio che noi riteniamo di vitale importanza per la nostra popolazione e per l'intera valle. Se chiudesse la filiale di Bannio gli abitanti dovrebbero recarsi a Macugnaga oppure a Piedimulera con grossi disagi soprattutto legati anche alle condizioni delle strade in particolare in inverno”.

 

 

 

Ricerca in corso...