Domenica pomeriggio l'ultimo saluto a Giovanni Della Ferrera, il capo stazione del soccorso alpino formazzino

Formazza -

Avranno luogo domenica alle 14 nella parrocchiale di Chiesa, i funerali di Giovanni Della Ferrera, il cinquantenne capo stazione del soccorso alpino di Formazza, scomparso tragicamente venerdì pomeriggio mentre stava tagliando una pianta nella zona che dalla seggiovia del Sagersboden conduce al Vannino: è rimasto schiacciato da un tronco. Un dramma che ha scosso il mondo della montagna ossolana. Della Ferrera era molto conosciuto per la sua attività di volontariato nel soccorso alpino e l’impegno in diverse associazioni di Formazza. La montagna era la sua grande passione: era volontario del soccorso alpino dal gennaio da 20 anni: "Era attivo dal gennaio 1989 e dal 2011 era capo stazione di Formazza - ricorda Matteo Gasparini, responsabile della X delegazione Valdossola del CNSAS -. In tutti questi anni ha effettuato diversi difficili interventi di salvataggio di escursionisti e scialpinisti in gravi difficoltà sui monti formazzini. Si era anche reso da subito disponibile a raggiungere Rigopiano, appena dopo la tragedia". Aveva ottenuto anche la qualifica di TESA (Tecnico del soccorso alpino). Di professione falegname, Giovanni Della Ferrera lavorava come artigiano nell’azienda di famiglia. Lascia la moglie Alma e il figlioletto, Luca, di 7 anni. Domani alle 20.30, nella chiesa parrocchiale di Ponte, sarà recitato il rosario.

 

Marco De Ambrosis
Ricerca in corso...