Il sindaco Sonzogni interviene sulla chiusura dello sportello della Bpm

VANZONE CON SAN CARLO -

In merito alla comunicazione di chiusura dello sportello bancario di Pontegrande mi sento di esprimere un dissenso totale per le ragioni che si riassumono nei seguenti punti:

Non è possibile che a fronte di questa scelta non ci sia stato un incontro preventivo con i Sindaci interessati.
La chiusura dello sportello è una forte penalizzazione per la Valle perché obbliga i cittadini più lontani a percorrere anche trenta Km per recarsi presso gli sportelli di Macugnaga o Piedimulera.
La Valle Anzasca è un’area progetto per la strategia nazionale per le aree interne, un scelta determinata dal fatto che le situazioni socio economiche in essere causano un continuo spopolamento. Immaginare pertanto che servizi come lo sportello bancario possano venire meno è contraddire nei fatti lo spirito della strategia che anche i grandi gruppi finanziari dovrebbero avere nella loro agenda di soggetti che possano determinare ricadute importanti nei nostri territori.
Ritengo pertanto che i Sindaci agendo in modo unitario debbano tentare almeno un’azione di contrasto a questa iniziativa assolutamente negativa per la Valle Anzasca.

Propongo al Sindaco di Bannio Anzino, sul cui territorio esiste lo sportello, di chiedere un incontro con BANCO BPM allo scopo di affrontare la questione.

Il sindaco di Vanzone

Claudio Sonzogni

 

Comunicato Stampa
Ricerca in corso...