Il VCO è una delle province più sicure d'Italia

VCO -

Il Verbano-Cusio-Ossola è una delle province più sicure d'Italia, secondo Il Sole 24 Ore. Nella classifica dell'Indice di Criminalità, il nostro territorio si piazza addirittura al 98esimo posto su 106, in una classifica in cui a spiccare, in negativo, sono Milano, Rimini e Firenze.

Punteggio perfetto sul fronte omicidi: i dati elaborati, relativi all'anno 2018, vedono in Vco in fondo a tutte le graduatorie, dall'omicidio volontario al tentato omicidio (in entrambi i casi a Vibo Valentia il triste primato),passando per l'infanticidio, con zero denunce.

Numeri rassicuranti anche per quanto riguarda i furti: quelli con strappo, in tutta Italia, solo a Belluno si verificano di meno (due denunce nel 2018 contro le zero della provincia veneta),mentre Napoli è in testa alla classifica. Poco più diffusi i furti con destrezza: nella graduatoria guidata da Milano, il Vco si piazza 92esimo. Il furto in abitazione, invece, avviene più frequentemente ad Asti, mentre la nostra provincia si posiziona quartultima, con soltanto Oristano, Nuoro e Sondrio meno soggette a questo tipo di reato. Peggio, ma comunque molto distante dalla vetta occupata da Milano, il dato relativo ai furti negli esercizi commerciali: nel Vco 133 denunce, 84 ogni 100.000 abitanti (77esimo su 106). Il podio negativo di furti di autovetture è occupato da Barletta-Andria-Trani, Bari e Catania, mentre il Vco si piazza nuovamente penultimo davanti a Belluno. Anche per quanto riguarda le rapine, il nostro territorio si conferma poco soggetto a questi episodi, con quindici denunce nel 2018 (99esimo su 106, con Napoli al primo posto).

I dati più preoccupanti riguardano l'estorsione, dove si piazza al 21esimo posto in una classifica guidata da Foggia, Novara e Milano, e le frodi informatiche, con ben 583 denunce (15esimo su 106, con Trieste al primo posto). Una denuncia per associazione a delinquere, invece, vale il 47esimo posto, mentre nel riciclaggio e impiego di denaro, il Vco si piazza 76esimo.

Per quanto riguarda i reati relativi agli stupefacenti, Roma guida la classifica e la nostra provincia si posiziona all'84esimo posto con 63 denunce effettuate. Dieci, invece, le denunce per violenze sessuali, che scaturiscono un 66esimo posto (in testa c'è Trieste). Dati irrisori quelli relativi agli incendi e all'usura, rispettivamente 98esimo e 101esimo.

 

Ricerca in corso...