In tanti alla serata organizzata a Malesco per rendere omaggio a Suor Gemma, poeta e artista di 98 anni

MALESCO -

Nonostante l’inclemenza del tempo, che ha scoraggiato i più a non uscire, lo spettacolo culturale presentato a Malesco "Omaggio a Gemma"  (organizzato per rendere omaggio ad una grande donna poeta e artista di 98 anni - Gemma Maria Chiapponi - ancora residente a Finero) ha riscosso un buon successo, con la partecipazione di 180 persone.

L’aspettativa di poter vedere in sala la “protagonista” della serata non è andata delusa e suor Gemma, più pimpante che mai, ha voluto onorare il lavoro teatrale organizzato in suo onore da Carlo Migliavacca, (novarese ma abituale e assiduo frequentatore della Valle Vigezzo e, in particolare, di Malesco, paese in cui da diversi anni organizza in estate partecipati eventi storico-culturali)  e apprezzata è stata la recitazione dei testi - tratti da “La canzone di Vigezzo” e da “Vigezzo antica” – portati in scena da Violetta Cottini e accompagnati dalla colonna sonora in diretta eseguita da Sabrina Borsotti.

Molto apprezzate, inoltre, le 440 fotografie sulla valle Vigezzo proiettate sul grande schermo, messe a disposizione da Massimo Bertina, Mauro Colnaghi e da due di quei “bambini” di Zornasco che hanno vissuto i loro primi anni con suor Gemma, suor Gina e suor Domenica: Marco Paggio Di Pietro e Raffaele Marini.

La serata è stata l’occasione per rendere omaggio anche a tutta la valle Vigezzo la quale, nonostante le sue tante ferite, ha sempre saputo reagire alle avversità che l’hanno colpita; il ricordo è andato alla tragica alluvione del 1978 (ricorrendo il 40esimo),al devastante incendio del Faedo del 2016 e alle tragiche frane del 1993 alla galleria di Olgia e a quella recentissima, sempre di Olgia.

Il Sindaco di Malesco, Enrico Barbazza, e la Presidente della Pro loco di Malesco-Finero-Zornasco, Stefania Piffero, hanno fatto gli onori casa.

Ultima dovuta annotazione: suor Gemma era accompagnata dalle sue consorelle: suor Pia (Madre generale dell’Ordine delle “Piccole Figlie del Sacro Cuore”),suor Luisa (Madre Vicaria dell’Ordine),suor Mariangela, suor Armida, suor Assunta, suor Maria Rosa e da suor Domenica, che ha vissuto a Zornasco prendendosi cura, con suor Gina, di quei bambini che hanno frequentato l’asilo, negli anni 50/60, del piccolo centro vigezzino “come fossero mamme”  ha ricordato Marco Paggio Di Pietro “e cambiandoci anche i pannolini”.

 

 

 

 

 

Redazione on line
Ricerca in corso...